Monza, caccia all’oggetto misterioso

Giocare con l’arte e con de Chirico

Monza, caccia all’oggetto misterioso  Giocare con l’arte e con de Chirico

Una domenica speciale al Serrone della Villa reale di Monza in occasione della mostra dedicata a de Chirico. Il 12 ottobre laboratori gratuiti (si paga solo il biglietto della mostra) per i bambini dai 5 agli 11 anni con una caccia all’oggetto misterioso. Iscrizioni aperte.

Domenica 12 ottobre è la Giornata nazionale delle famiglie al museo e il Serrone della Villa reale ha preparato un’iniziativa speciale: la mostra “Giorgio de Chirico e l’oggetto misterioso” si arricchisce di una serie di laboratori didattici gratuiti ideati per i più piccoli.

I laboratori sono a cura di Creda Onlus e sono in programma alle 14.30 e alle 16 per tutti i bambini dai 5 agli 11 anni, che «potranno partecipare ad una speciale visita guidata gioco seguita dal laboratorio “Stuzzichino metafisico”» raccontano gli organizzatori. «Attraverso una caccia all’oggetto misterioso, i bambini saranno invitati a visitare la mostra scoprendo l’arte di Giorgio de Chirico e raccogliendo gli elementi per creare una merenda metafisica sorprendente in cui non tutti gli ingredienti utilizzati sembrano ciò che sono nella realtà».

Per partecipare alle attività è necessario prenotarsi entro venerdì 10 ottobre telefonando ai numeri 0362 41472 e 391 111 2022 oppure scrivendo all’indirizzo info@dechiricomonza.com.

Le attività dureranno circa un’ ora e trenta minuti e sono previsti due appuntamenti: alle 14.30 visita guidata gioco in mostra con inizio laboratorio “Stuzzichino metafisico” alle ore 15.15 presso il Teatrino della Villa reale (14.30 -16.00); alle 16 visita guidata gioco in mostra con inizio laboratorio “Stuzzichino metafisico” alle 16.45 presso il Teatrino della Villa reale (16.00 - 17.30).

Le attività didattiche sono gratuite, si accede con il biglietto d’ingresso alla mostra. Durante la giornata saranno presenti tre animatori di Creda Onlus che assicureranno le attività, gli spostamenti tra mostra e sede dei laboratori e la coesione del gruppo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA