Euro 2020, debutto del monzese  Matteo Pessina nell’Italia che si è qualificata agli ottavi di finale
Calcio Matteo Pessina su Instagram

Euro 2020, debutto del monzese Matteo Pessina nell’Italia che si è qualificata agli ottavi di finale

Il monzese Matteo Pessina ha esordito a Euro 2020: il ct Mancini l’ha mandato in campo per Locatelli negli ultimi minuti della partita contro la Svizzera che ha qualificato gli azzurri agli ottavi di finale.

Debutto a Euro 2020 per Matteo Pessina. Il centrocampista di Monza è entrato nei minuti finali del match che ha qualificato l’Italia agli ottavi di finale: 3-0 alla Svizzera con doppietta di Locatelli e terzo gol di Immobile. Il ct Mancini l’ha mandato in campo al posto proprio dell’autore dei due gol.

Euro 2020 Matteo Pessina debutto e vittoria contro la Svizzera - storia su Instagam

Euro 2020 Matteo Pessina debutto e vittoria contro la Svizzera - storia su Instagam

Un cambio “brianzolo” tra il monzese classe ’97 che ha dato i primi calci alla Dominante e poi al Monza prima di trovare il suo spazio all’Atalanta e il collega classe ’98 originario di Galbiate, in provincia di Lecco, e oggi al Sassuolo.

Con il 3-0, il secondo dopo quello imposto alla Turchia, l’Italia ha guadagnato la vetta del gruppo A e si è qualificata al turno successivo in attesa del match di domenica contro il Galles (ore 18).



«La Svizzera è una squadra forte, è stata una partita durissima e lo sapevamo. Avremmo potuto segnare prima, ma abbiamo sofferto quando c’era da farlo. Abbiamo meritato perché pensavamo di voler vincere a tutti i costi - ha detto Roberto Mancini ai microfoni di RaiSport - All’inizio eravamo un po’ in difficoltà, ma i ragazzi sono stati bravissimi e non era semplice perché c’era anche un gran caldo. A un certo punto abbiamo cambiato sistema, con la difesa a tre per metterci più tranquilli e rifiatare. Dedico questa vittoria a chi soffre e a tutti gli italiani».

Ciro Immobile poi ha dedicato la vittoria, a nome di tutta la squadra, ai due bambini, Daniel e David, uccisi ad Ardea.


© RIPRODUZIONE RISERVATA