Monza: il radiologo del San Gerardo aggredito in carcere da un detenuto
Agenti di polizia penitenziaria (Foto by FABRIZIO RADAELLI)

Monza: il radiologo del San Gerardo aggredito in carcere da un detenuto

Nuova aggressione nella casa circondariale di Monza a pochi giorni da un altro episodio: a farne le spese un radiologo del San Gerardo e alcuni agenti di polizia penitenziaria.

Nuova aggressione all’interno della casa circondariale di Monza ai danni del personale. Giovedì 1 aprile, in mattinata, un detenuto senza alcun motivo ha iniziato ad aggredire verbalmente il radiologo dell’ospedale San Gerardo che stava eseguendo un esame. Subito è seguita l’aggressione fisica ai danni del sanitario. A salvarlo è stato l’intervento tempestivo del personale di polizia penitenziaria.

A riferirlo ancora una volta è l’Osapp, l’Organizzazione sindacale autonoma polizia penitenziaria, a pochi giorni da un altro atto violento contro due agenti di polizia, picchiati sul volto da un altro detenuto.

LEGGI la precedente aggressione

Il detenuto, alto quasi due metri, ha aggredito un vicesovrintendente e un agente scelto della polizia. In aiuto dei due agenti sono intervenuti anche altri poliziotti per bloccare la furia del detenuto, che è stato poi ricondotto in cella. I primi due agenti intervenuti in soccorso del sanitario aggredito hanno riportato rispettivamente contusioni a una spalla e al polso. Condotti al pronto soccorso dell’ospedale San Gerardo sono stati subito dimessi con prognosi rispettivamente di tre e cinque giorni.

«Siamo di fronte a detenuti sempre più aggressivi e a un sistema che non funziona – ha commentato Giuseppe Bolena, segretario regionale dell’Osapp -. Speriamo che il ministro Cartabia intervenga in tutela degli uomini dello Stato. Il sistema sanzionatorio previsto dall’ordinamento penitenziario è troppo blando e spesso c’è la reticenza nei direttori penitenziari per la sua piena attuazione. Ci auguriamo – conclude Bolena – che la politica anche questa volta non stia a guardare».


© RIPRODUZIONE RISERVATA