Monza: bicicletta al cinema con la campionessa Alessandra Cappellotto, che si batte per i diritti delle donne
Ciclismo Alessandra Cappellotto - foto da facebook

Monza: bicicletta al cinema con la campionessa Alessandra Cappellotto, che si batte per i diritti delle donne

L’associazione Arcodonna APS organizza per sabato 23 ottobre un pomeriggio dedicato alla bicicletta pensando a quelle donne che non possono averla. Al Capitol Anteo spazio Cinema con la campionessa di ciclismo Alessandra Cappellotto.

Un pomeriggio dedicato alla bicicletta pensando a quelle donne che non possono averla. L’associazione Arcodonna APS sabato 23 ottobre presenta, con il patrocinio del Comune di Monza, “A tu per tu”, un incontro con Alessandra Cappellotto, la prima italiana diventata campionessa del mondo di ciclismo su strada, nel 1997, e attivista per i diritti femminili. Cappellotto, infatti, da anni si batte per la parità tra uomo e donna nel suo sport con la convinzione che attraverso il ciclismo le donne possano migliorare la propria condizione nel mondo.

Grande il suo impegno nell’associazione Road To Equality, di cui è presidente, che ha l’obiettivo di sviluppare il movimento del ciclismo femminile in paesi dove non esiste, dall’Africa all’Asia. L’atleta ha sostenuto il movimento ciclistico femminile in Afghanistan e con la sua associazione, è riuscita far fuggire dal paese caduto nelle mani dei talebani sei ragazze della squadra Nazionale con le loro famiglie.

Un’esperienza drammatica che Cappellotto racconterà nel pomeriggio monzese programmato negli spazi del Capitol Anteo spazio Cinema dove alle 15 e alle 18.30 sarà proiettato il film “La bicicletta verde” della regista Haifaa al-Mansou, un film ambientato in Arabia Saudita dove una bambina sogna una bicicletta, un oggetto tradizionalmente riservato agli uomini, e per trovare i soldi per comprarla decide di iscriversi a una gara di Corano indetta dalla sua scuola, pur non essendo forte nelle materie religiose.

L’iniziativa, a offerta libera, è sostenuta, tra gli altri, da Fiab Monzainbici e dall’associazione Cyclistes Professionnels Associés. Consigliata la prenotazione sul sito www.spaziocinema.info/monza.


© RIPRODUZIONE RISERVATA