Lentate: l’ex della madre confessa gli abusi e l’omicidio della piccola Sharon
Como - veduta del carcere del Bassone

Lentate: l’ex della madre confessa gli abusi e l’omicidio della piccola Sharon

Il 26enne di Camnago in carcere a Como ha confessato davanti al pubblico ministero di essere stato il responsabile della morte della bambina di 18 mesi morta a Cabiate lo scorso 11 gennaio: ora deve rispondere di omicidio volontario.

Ha ammesso gli abusi sessuali e poi di aver ucciso la piccola Sharon, 18 mesi, l’operaio 26enne di Camnago di Lentate, ex compagno della madre della piccola, morta l’11 gennaio a Cabiate, per il quale ora la Procura di Como chiede il processo immediato.

LEGGI «Ha ucciso la bambina di botte»: arrestato un 25enne a Lentate

LEGGI Lentate: funerali dopo 4 mesi per la piccola Sharon, l’ex della madre accusato di averla uccisa

La confessione dell’uomo è avvenuta martedì 18 maggio nel carcere “Bassone”, dove si trova rinchiuso, davanti al pubblico ministero Antonia Pavan. Arrestato con l’accusa di morte come conseguenza di maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale aggravata, ora deve rispondere di omicidio volontario. Finora l’uomo aveva parlato di un incidente, della piccola che giocando aveva afferrato il cavo di una stufetta elettrica che cadendo l’aveva colpita alla testa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA