Gp d’Italia e sociale: pasticceria e frutta dall’autodromo  alle tavole di asilo notturno e mensa dei poveri
Una foto di repertorio, pre-pandemia, dell’asilo notturno di via Raiberti (Foto by FABRIZIO RADAELLI)

Gp d’Italia e sociale: pasticceria e frutta dall’autodromo alle tavole di asilo notturno e mensa dei poveri

Nulla è andato sprecato delle tante prelibatezze preparate per il circuito dell’Autodromo in occasione della Formula Uno e non consumate, grazie all’immediata attivazione attraverso Ats della rete “Pane e rose”, che da tempo si occupa di recuperare e distribuire con la regia di Csv Monza Lecco Sondrio le eccedenze alimentari della grande distribuzione a una decina di associazioni.

Alleanza, strategia e tempestività per contrastare lo spreco alimentare. Così golosità di pasticceria, ma anche frutta e verdura, dal Gran Premio di Formula Uno sono arrivate sulla tavola della mensa dei poveri dei frati del Santuario delle Grazie e dell’asilo notturno di via Raiberti a Monza, grazie alla rete “Pane e Rose”. Nulla è andato sprecato delle tante prelibatezze preparate per il circuito dell’Autodromo e non consumate, grazie all’immediata attivazione della rete territoriale “Pane e rose”, che da tempo si occupa di recuperare e distribuire a una decina di associazioni della provincia di Monza e Brianza le eccedenze alimentari della grande distribuzione. Cibo che poi arriva a 570 famiglie bisognose del territorio.

Nella giornata di domenica 12 settembre, CSV Monza Lecco Sondrio, Centro di Servizio per il volontariato, è stato contattato da ATS Brianza, in particolare dalla dirigente Nicoletta Castelli, per organizzare il ritiro di derrate alimentari alla Cucina Centrale dell’Autodromo. Il cibo è stato donato dal catering La Fenice di Faenza (Ravenna), ingaggiata dall’Autodromo per l’evento. «Abbiamo subito attivato la rete Pane e Rose - fanno sapere da Csv MLS - che nella mattinata di lunedì 13 settembre, ha ritirato 20 scatole di alimenti per consegnarle alle due strutture». «Ringraziamo di cuore il catering La Fenice per la donazione di prelibatezze che saranno distribuite oggi stesso ai senza tetto del territorio monzese – ha dichiarato Luigi Ciciotti, dell’Asilo notturno – i nostri ospiti hanno potuto godere, di riflesso, di uno scenario straordinario garantito dal Gran Premio». Anche Fra Celestino delle Grazie ringrazia: «Ancora una volta la rete Pane e Rose della Casa del Volontariato ha portato sorrisi ai nostri ospiti. Siamo grati per il prezioso contributo di derrate ricevute e ringraziamo ATS Brianza e il CSV Monza Lecco Sondrio che si sono mobilitati per organizzare tempestivamente i  trasferimenti».

Il Centro di Servizio per il volontariato ha il ruolo di regia nel progetto che punta alla lotta allo spreco alimentare e mette in comunicazione grande distribuzione e associazioni. Ed è questa l’occasione per lanciare un appello, ad altre catene alimentari che intendono donare eccedenze o a realtà associative che vogliono prendere parte al progetto. Per chi è interessato è possibile scrivere una mail a [email protected]


© RIPRODUZIONE RISERVATA