Estensione Green pass, dove è necessario: le nuove regole per la scuola, obbligo vaccinale per lavoratori Rsa
Monza ristoratori e green pass (Foto by Fabrizio Radaelli)

Estensione Green pass, dove è necessario: le nuove regole per la scuola, obbligo vaccinale per lavoratori Rsa

Il governo ha approvato l’estensione dell’uso del Green pass. In base al nuovo decreto legge diventa obbligatorio per tutti coloro che varchino la soglia di una scuola o di una università (no studenti minorenni), esteso ai lavoratori delle Rsa l’obbligo di vaccinazione che oggi già vale per medici e infermieri.

Il governo ha approvato l’estensione dell’uso del Green pass. In base al nuovo decreto legge diventa obbligatorio per tutti coloro che varchino la soglia di una scuola o di una università, con eccezione degli studenti minorenni e quindi sono interessati anche i genitori, e viene esteso ai lavoratori delle Rsa l’obbligo di vaccinazione che oggi già vale per medici e infermieri.

Il Green pass, il certificato verde, è riservato a chi è vaccinato, a chi è guarito dal covid o a soggetti negativi a tampone realizzato entro le 48 precedenti.

Scuola. Le nuove norme restano in vigore fino al 31 dicembre, termine dello stato di emergenza. Dicono che “chiunque accede a tutte le strutture delle istituzioni scolastiche, educative e formative (...) deve possedere ed è tenuto ad esibire la certificazione verde COVID-19. La disposizione di cui al primo periodo non si applica ai bambini, agli alunni e agli studenti nonché ai frequentanti i sistemi regionali di formazione, ad eccezione di coloro che prendono parte ai percorsi formativi degli Istituti tecnici superiori”. Ma ai loro genitori sì.

I controlli spettano al dirigente scolastico e ai responsabili delle istituzioni scolastiche. Nel caso in cui l’accesso alle strutture sia motivato da ragioni di servizio o di lavoro, la verifica sul rispetto delle prescrizioni deve essere effettuata anche dai rispettivi datori di lavoro.

Università. Chiunque accede alle strutture del sistema nazionale universitario deve possedere ed è tenuto ad esibire la certificazione verde Covid-19. I responsabili delle Università e delle istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica sono tenuti a verificare il rispetto delle prescrizioni. Le verifiche sono svolte a campione con le modalità individuate dalle Università. Nel caso in cui l’accesso alle strutture sia motivato da ragioni di servizio o di lavoro, la verifica sul rispetto delle prescrizioni deve essere effettuata anche dai rispettivi datori di lavoro.

Rsa. Non solo Green pass: dal 10 ottobre (e fino al 31 dicembre) entra in vigore l’obbligo vaccinale nelle strutture residenziali, socio-assistenziali e sociosanitarie per “ tutti i soggetti che svolgono, a qualsiasi titolo, la propria attività lavorativa nelle strutture residenziali, socio-assistenziali, sociosanitarie e hospice (RSA, strutture per anziani, ecc.)”.

Il decreto legge integra o estende le disposizioni già in vigore.

Il green pass è necessario dal mese di agosto per accedere ai ristoranti al chiuso, agli spettacoli aperti al pubblico e agli eventi sportivi, a musei e mostre, piscine, palestre, impianti dove si svolgono sport di squadra al chiuso, centri benessere, parchi tematici, parchi divertimento, sale gioco e sale scommesse, casinò e bingo, sagre, fiere, congressi e convegni.

Dall’1 settembre era stato previsto agli spostamenti nazionali (non regionali), al personale scolastico e universitario e gli studenti universitari.


© RIPRODUZIONE RISERVATA