C’è uno scienziato da adottare per ricordare Arianna e aiutare altri bimbi
I promotori di “Adottiamo uno scienziato” (Foto by Fabrizio Radaelli)

C’è uno scienziato da adottare per ricordare Arianna e aiutare altri bimbi

Progetto dell’associazione Sko Arianna Amore onlus per portare avanti iniziative benefiche per raccogliere i fondi necessari a sostenere il percorso di dottorato di ricerca di un giovane meritevole all’interno dei laboratori monzesi della Fondazione Tettamanti. A Desio, il 2 dicembre, si può dare una mano con una cena spettacolo.

Si chiama “Adottiamo uno scienziato” ed è un progetto che l’associazione Sko Arianna Amore onlus intende portare avanti fino al mese di dicembre del 2019 con una serie di iniziative benefiche per raccogliere i fondi necessari a sostenere il percorso di dottorato di ricerca di un giovane meritevole all’interno dei laboratori monzesi della Fondazione Tettamanti, eccellenza italiana nella ricerca contro le leucemie infantili.

“Nella nostra struttura-spiega il dottor Gianni Cazzaniga, responsabile dell’unità di ricerca della Fondazione- ospitiamo regolarmente giovani laureandi, molti dei quali intenzionati a proseguire gli studi con il dottorato di ricerca. Sono studenti molto motivati e volenterosi che possono contribuire fortemente ai nostri progetti. Un sostegno economico come quello che si prefigge di offrire l’associazione Sko garantirebbe una continuità del loro percorso”.

La figura del giovane scienziato sarà scelta sulla base di una selezione indetta dall’Università Bicocca e garantirà il suo apporto alla Fondazione Tettamanti per tre anni. Pasquale Amore, papà della bimba scomparsa nel 2014 a cui è intitolata l’associazione, non c’è giorno in cui non si prodighi per fare qualcosa per aiutare a sconfiggere la malattia che gli ha strappato la figlioletta. Con il contributo della sua onlus ha adottato all’interno del laboratorio di ricerca della Fondazione Tettamanti la stanza di Biologia Molecolare 3 per permettere al progetto di terapia molecolare di continuare il suo iter, ha donato la stanza di attesa protetta al reparto di ematologia pediatrica del San Gerardo e continua a sostenere il Comitato Maria Letizia Verga. “Adesso partiamo con questo nuovo progetto-annuncia- che vedrà iniziative distribuite lungo tutto l’arco dell’anno perché la beneficenza non si fa solo a Natale. I nostri bambini hanno bisogno di noi ogni giorno”.

Il primo appuntamento per “adottare uno scienziato” è previsto domenica 2 dicembre alle 20 all’Eurotaverna di Desio con una cena-spettacolo presentata dalla giornalista Patrizia Caregnato con la partecipazione della Zurawski band, che suonerà musica dal vivo, del comico Fabrizio Fontana, del giovane rapper Luca Blindo, che alla piccola Arianna ha dedicato una canzone, della dottoressa Marta Serafini dell’unità di ricerca della Tettamanti che illustrerà il progetto. “Questo sarà il primo evento-anticipa Mariella Bernardo, socia sostenitrice e organizzatrice delle iniziative – Sto già lavorando per portare un musical a Monza e per organizzare una partita di calcio benefica”. Info e prenotazioni: 335.5374639 (Mariella); 340 1950068 (Dany).


© RIPRODUZIONE RISERVATA