Covid: aumento dei posti letto al San Gerardo di Monza, terapia intensiva libera da sei settimane

Andamento altalenante della quarta ondata di Covid: non segna l’andamento in discesa lineare, ma la terapia intensiva dell'ospedale SAn Gerardo è "free" da oltre sei settimane.
MONZA ospedale
L’ospedale di Monza – foto d’archivio Fabrizio Radaelli

Nessun ricoverato in terapia intensiva, ma un aumento dei posti letto di malati Covid del 48% in sette giorni. È questa la fotografia dell’ospedale San Gerardo di Monza in questi giorni di festività pasquali.

I ricoveri sono passati da 31 della scorsa settimana a 46 di oggi. Di questi 24 sono ricoverati in malattie Infettive, 4 in Pneumologia (Terapia sub-intensiva) e 18 in altri reparti. Un andamento altalenante quello della quarta ondata che non segna l’andamento in discesa lineare delle precedenti anche se è confortante il dato che la Terapia Intensiva del San Gerardo è ormai Covid Free da oltre sei settimane.

Due settimane fa infatti si era avvertito un deciso calo e i ricoverati erano passati da 41 a 31 di cui la maggior parte in malattie Intensive, 2 in sub intensiva e 12 in altri reparti.

Scende però in modo significativo il numero dei nuovi ricoveri: questa settimana su 1.723 persone che sono giunte al Pronto Soccorso il 10% riportava sintomatologia Covid (172), ma solo 7 sono stati ricoverati.

Un numero decisamente inferiore rispetto ai 17 della settimana precedente. I decessi questa settimana sono stati 4 e l’età media dei ricoverati è scesa a 71 anni.

L’altro dato da considerare è quello legato al numero di pazienti ricoverati in altri reparti: questa settimana sono 18 su 46, la scorsa settimana 12 su 31, ovvero poco meno della metà. Si tratta di pazienti che necessitano il ricovero in ospedale per altre patologie diverse dal Covid e che si scoprono positive all’ingresso in ospedale.

Secondo il direttore delle Malattie Infettive Paolo Bonfanti questa casistica è destinata ad essere una costante all’interno dei nostri ospedali e per questo Regione Lombardia ha predisposto un nuovo modello di gestione con aree neutre dedicate ai pazienti Covid con una équipe multidisciplinare in grado di gestirli per le diverse patologie che presentano (così al suo esordio a gennaio 2022).

A tre settimane dalla fine dello stato di emergenza la situazione pare ancora tranquilla e ben diversa dallo scorso anno: il 21 aprile 2021 infatti il San Gerardo stava assistendo al calo dei ricoveri passati da 281 a 182 e per la prima volta si registrava un calo dell’occupazione in terapia Intensiva i cui letti occupati passavano da 33 a 26.

Nelle scuole la situazione dei contagi alla vigilia delle vacanze pasquali registra un lieve incremento dei casi positivi in tutte le fasce di età, ma una diminuzione dell’incidenza in tutte le fasce tranne che per le scuole superiori. L’ incidenza maggiore è nei tre anni della scuola media (806 positivi ogni 100 mila), quindi alle elementari (788 casi ogni 100 mila), alle superiori (562), quindi al nido (525) e alla scuola dell’infanzia (504).