Parità Virtuosa, il consiglio regionale premia il welfare aziendale che parla alle donne
Premio Parità Virtuosa del Consiglio Pari Opportunità

Parità Virtuosa, il consiglio regionale premia il welfare aziendale che parla alle donne

Sono dieci le aziende lombarde premiate dal Consiglio Pari Opportunità del Consiglio regionale nell’ambito del Premio Parità Virtuosa. «In Italia le donne faticano a costruire una famiglia e allo stesso tempo mantenere il posto di lavoro e, a volte, si trovano costrette a licenziarsi», sottolinea la presidente monzese Letizia Caccavale.

Sono dieci le aziende lombarde premiate dal Consiglio Pari Opportunità del Consiglio regionale nell’ambito del Premio Parità Virtuosa, che si propone di valorizzare progetti che si sono distinti per aver applicato sistemi e tutele innovative in tema di welfare, in particolare nei confronti delle donne lavoratrici madri.

Premio Parità Virtuosa del Consiglio Pari Opportunità: Reverse

Premio Parità Virtuosa del Consiglio Pari Opportunità: Reverse

Tra le misure più apprezzate l’Happy Friday del colosso della moda Vivienne Westwood, la carta della maternità di Reverse (azienda per la ricerca e selezione di personale), il supporto psicologico di Streparava (azienda metalmeccanica dell’automotive), riorganizzazione dei tempi di lavoro (Confartigianato Imprese Bergamo) e superamento del divario retributivo di genere (Valore D).

“Come Consiglio per le Pari Opportunità – ha dichiarato la presidente Letizia Caccavale – siamo preoccupate perché in Italia le donne faticano a costruire una famiglia e allo stesso tempo mantenere il posto di lavoro e, a volte, si trovano costrette a licenziarsi. Difficoltà accentuate dalla pandemia negli ultimi due anni. Siamo confortate dalle due leggi nazionali recentemente approvate: il Family Act che introduce l’assegno unico universale per i figli e la nuova legge sulla Parità salariale tra uomo e donna. Ma la vera grande sorpresa l’abbiamo ricevuta dal nostro territorio, dalle candidature di aziende, associazioni e sindacati che, con impegno quotidiano e visione strategica, raccontano come è possibile sostenere i lavoratori nella vita professionale e familiare contribuendo a non escludere le donne dal mondo del lavoro. Dal valore di queste realtà virtuose abbiamo deciso di ampliare la partecipazione al Premio Parità Virtuosa della prossima edizione anche alle aziende con meno di dieci dipendenti che, soprattutto in Lombardia, sono una realtà significativa nel panorama produttivo nazionale. Il nostro augurio è che queste buone pratiche possano essere da esempio per tutti”.

Premio Parità Virtuosa del Consiglio Pari Opportunità: Vivienne Westwood

Premio Parità Virtuosa del Consiglio Pari Opportunità: Vivienne Westwood


© RIPRODUZIONE RISERVATA