Mercatone Uno, estratti a sorte i commissari: mercoledì  incontro al Mise
Presidio dei lavoratori a Cesano Maderno

Mercatone Uno, estratti a sorte i commissari: mercoledì incontro al Mise

La procedura voluta dal ministro Di Maio prevede l’estrazione a sorte fra rose di candidati scelti da una commissione sulla base delle disponibilità all’incarico fatte pervenire al Ministero dello Sviluppo economico. Primo incontro mercoledì 19 giugno alle 10 a Roma. Si parlerà anche della possibilità di cassa integrazione

Il Mercatone Uno ha tre nuovi commissari straordinari. Dopo le dimissioni dei loro predecessori lunedì nel tardo pomeriggio al Ministero della Sviluppo economico si è svolta in seduta pubblica l’estrazione dei nomi tra i candidati che avevano dato la loro disponibilità. L’incarico è stato affidato a Giuseppe Farchione, Luca Gratteri e Antonio Cattaneo.

L’estrazione a sorte è stata disposta da una direttiva del ministro Luigi Di Maio che risale al luglio dell’anno scorso. I commissari dovevano presentare una domanda entro venerdì 14 alle 14. Una commissione di esperti poi ha selezionato tre rose di candidati e tra queste si è proceduto all’estrazione a sorte, tra l’altro realizzata materialmente da due lavoratori del Mercatone Uno che erano presenti alla seduta pubblica.

Un meccanismo che nelle intenzioni del ministero vuole garantire la massima trasparenza anche se ha suscitato più di una perplessità proprio la scelta dell’estrazione a sorte.

Intanto domani mattina, alle 10, a Roma è stato convocato un incontro nella sede del Mise in via Molise. Si comincerà a parlare dell’amministrazione straordinaria e della possibilità di concedere la cassa integrazione ai lavoratori che hanno ricevuto solo in parte lo stipendio di aprile e non hanno ricevuto quello di maggio. La prospettiva per loro, visti i tempi della procedura, è di rimanere ancora per qualche mese senza stipendio. Un tema che i sindacati chiedono venga affrontato subito.

Il Tribunale di Milano tre settimane or sono aveva dichiarato il fallimento della Shernon, la società che aveva preso in carico la gestione dei 55 punti vendita del Mercatone Uno, tra i quali quello di Cesano Maderno, in cui lavoravano 52 persone.


© RIPRODUZIONE RISERVATA