Nova Milanese, atto vandalico contro la Madonnina di via Rimembranze
Nova ,la statuetta vandalizzata (Foto by Pier Mastantuono)

Nova Milanese, atto vandalico contro la Madonnina di via Rimembranze

«Non credo si tratti di motivi religiosi ma dei soliti cretini -dice il sindaco Pagani- Anzi dirò di più: ci leggo quasi l’espressione di una frustrazione sociale da parte di qualcuno, in un accanimento tanto insensato. Secondo me sono dei frustrati e basta».

Nuovo atto vandalico nei confronti di una immagine votiva a Nova Milanese, città non nuova a periodici accanimenti di questo tipo da parte di anonimi. Nella notte tra lunedì e martedì, mani anonime hanno abbattuto la statua della Madonna all’interno della grotta votiva posizionata in via Rimembranze.

Uno dei luoghi di culto e di devozione nelle strade della città che è stato oltraggiato in maniera insensata: lo sconosciuto l’ha sradicata per poi romperla in più pezzi. La città amministrata dal sindaco Pagani è costretta a fare fronte a un nuovo atto di sfregio, come successo in passato in centro città. E ancora una volta la risposta della città sarà di devozione e preghiera: come successo in passato, anche nella sera di oggi, martedì 3 agosto alle 21 don Luigi Caimi, il sindaco Pagani e tanti concittadini si stringeranno attorno alla grotta della Madonnina per recitare il santo rosario.

«Era da qualche anno che non si verificavano dei casi del genere – ricorda il primo cittadino, facendo riferimento ai reiterati atti di vandalismo contro l’altra statuetta, nel Parco Vertua, che è stata distrutta e re installata più volte nel recente passato – stasera anche io prenderò parte alla preghiera e porterò la solidarietà della città a don Luigi. Non credo si tratti di motivi religiosi ma dei soliti cretini. Anzi dirò di più: ci leggo quasi l’espressione di una frustrazione sociale da parte di qualcuno, in un accanimento tanto insensato. Secondo me sono dei frustrati e basta».


© RIPRODUZIONE RISERVATA