Secondo il direttore dell’ Atlantic Council, gli
Stati Uniti sono scomparsi dai colloqui CBDC

Secondo il professionista di una società finanziaria, molte nazioni sono molto più avanti degli Stati Uniti nella creazione di CBDC.

Secondo Josh Lipsky, un ex consulente del FMI, India, Corea del Sud e Giappone sono tra coloro che stanno esaminando l’uso di un CBDC.

A parte la Cina, che attualmente è in testa alle iniziative di test pilota. Secondo i rapporti, la Cina ha circa 250 milioni di portafogli virtuali registrati che utilizzano il suo yuan digitale.

Le CBDC sono considerate l’equivalente digitale della moneta legale di una nazione, gestita da una banca centrale. Invece di stampare contanti cartacei, una banca centrale emette una valuta virtuale sostenuta dal governo.

Lipsky ha sottolineato che gli Stati Uniti potrebbero avere una qualche razionalizzazione per trascinare i piedi.

Secondo Lipsky, l’ispirazione al CBDC della Cina è più strettamente connessa con i suoi affari interni che con la sua politica estera, come il potenziale di supervisionare ciò che i residenti stanno facendo in tempo reale tramite il monitoraggio.

Anche le varie versioni del settore CBDC possono porre difficoltà.

Lipsky afferma che nessuna delle 105 nazioni che contemplano le CBDC sono uguali tra loro, il che potrebbe tradursi in pagamenti virtuali transfrontalieri.

“Questo è un serio problema di integrazione”, ha detto