Obiettivo del DAO storico: Togliere la storia ai conquistatori e darla al popolo

Fin dall’antichità, le persone hanno cercato di conservare i ricordi incidendo immagini sulle pareti delle caverne e intrecciando anelli in spaghi mal fatti. Le tribù e le comunità hanno dato vita a un linguaggio in grado di conservare il passato in parole, e le parole hanno poi trovato la loro strada in forme di stampa, creando la storia.

Il periodo digitale si è evoluto nel trasporto di documenti storici nell’era dell’informazione, raggiungendo un livello quasi geologico di durata grazie alla capacità di “blocchi” immutabili memorizzati su blockchain.

La blockchain è stata una perfetta risposta di avanzamento, infatti, ad alcune maledizioni storiche.

Dalla preistoria a oggi, le autorità centralizzate hanno detenuto la capacità di registrare la storia. La storia non autorizzata e le registrazioni tradizionali esistono, ma sono velate dalla nobiltà dei media. Tuttavia, nonostante l'”era dell’informazione”, questo scenario continua a rimanere intatto, se non a peggiorare, poiché i grandi media centralizzati accumulano più influenza che mai. Nel frattempo, l’industria della crittografia ha sviluppato un metodo di registrazione a cui nessun potere centrale può accedere.

La quantità e l’intricatezza delle conoscenze disponibili sono schiaccianti: È praticamente difficile discernere o proclamare ciò che è vero di fronte all’enorme quantità di dati che definisce l’era digitale. La gente comune, che ha visto la propria voce messa a tacere, non ha le risorse per esprimere la propria storia. Forse in futuro, di noi si potrà accettare poco di quanto è rimasto delle epoche precedenti.

La tecnologia blockchain potrebbe fornire una risposta. HistoryDAO decentralizza l’autorità dei documenti storici nello stesso modo in cui Bitcoin decentralizza il potere di estrazione.