Le vendite di cereali in Ucraina sono calate del 52,6% nel periodo 2022-2023

Secondo il Ministero dell’Agricoltura, il governo ucraino ha dichiarato che le vendite di grano sono calate del 52,6% annuo, attestandosi a 3,6 milioni di tonnellate nel periodo 2022/23.

Le forniture di grano per la stagione 2021/22, conclusasi il 30 giugno, sono aumentate dell’8,5% a 48,5 milioni di tonnellate, a causa delle elevate spedizioni prima dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia il 24 febbraio.

Le esportazioni di grano dell’Ucraina sono crollate dallo scoppio del conflitto a causa della chiusura dei porti del Mar Nero, un percorso vitale per le spedizioni, facendo salire i prezzi dei prodotti alimentari a livello globale e sollevando preoccupazioni per i deficit in Africa e Medio Oriente.

3 porti del Mar Nero sono stati liberati alla fine di luglio nell’ambito di un accordo mediato dalle Nazioni Unite e dalla Turchia tra Mosca e Kiev.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading>>>è gratis

Secondo le statistiche del ministero, a partire dal 2022/23, le esportazioni hanno compreso 2,33 milioni di tonnellate di mais, 981.000 tonnellate di grano e 289.000 tonnellate di orzo.

I numeri comprendono 1,9 milioni di tonnellate di grano spedite ad agosto, circa il 60% in meno rispetto ai 4,6 milioni di tonnellate spedite nello stesso periodo dell’anno precedente.

A causa del territorio perso dalle truppe russe e della diminuzione della produzione di grano, l’Ucraina potrebbe raccogliere almeno 50 milioni di tonnellate di grano quest’anno, in calo rispetto al picco di 86 milioni di tonnellate del 2021.