Le autorità indiane stanno indagando su come l’imposta GST potrebbe essere imposta alle c

Secondo Livemint, il ministero delle Finanze indiano si sta concentrando su un sistema unificato di tassazione dei beni e servizi (GST). Secondo un insider, si sta ancora discutendo sull’applicazione della GST nel caso degli asset digitali. Ora è imposta sulle offerte, quindi dobbiamo aspettare di vedere se le criptovalute saranno riconosciute come beni.

In precedenza la stampa locale aveva affermato che l’amministrazione stava pianificando l’applicazione di una GST del 18% o del 28% sugli asset digitali.

Ma, secondo la fonte, è possibile fissare un prezzo speciale. Potrebbe non essere il 18% o il 28%, ma qualcosa nel mezzo. Ci sono stati alcuni colloqui in merito e si concluderanno presto.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Un altro insider ha dichiarato che la determinazione dell’aliquota GST richiede una maggiore conoscenza del modo in cui le criptovalute si integrano nella struttura legislativa.

La GST si applicherà solo al margine o alle spese di servizio, non al valore totale del bene, secondo il rapporto, che ha anche affermato che il governo sta esaminando la gestione di alcune transazioni, come il mining o le monete di criptovaluta lanciate in aria.

Secondo quanto riportato, un comitato ministeriale indiano si è riunito alla fine di giugno per prendere in considerazione l’imposta GST sugli scambi di criptovalute. Le autorità, tuttavia, non hanno rivelato l’esito della riunione.

Nel frattempo, l’amministrazione indiana sta sviluppando la politica del Paese in materia di criptovalute. Per diventare conforme al GAFI, il governo intende formalizzare la sua posizione sulla legittimità delle criptovalute entro l’inizio del prossimo anno. Nirmala Sitharaman, ministro delle Finanze indiano, ha inoltre incoraggiato il FMI a fare da apripista nella creazione di una struttura mondiale per le criptovalute.