In mezzo alla situazione Ucraina-Russia, gli investitori probabilmente sceglieranno asset più sicuri, mantenendo il prezzo dell’oro al di sopra di 52.800 rupie.

Si prevede che entrambi i metalli preziosi continueranno ad essere volatili, per cui l’acquisto sui ribassi dovrebbe essere il vostro approccio preferito. Tuttavia, i trader più modesti dovrebbero astenersi dal fare trading ancora per qualche giorno.

Poiché i colloqui ad alto livello tra i due Paesi sono finiti ancora una volta in una situazione di stallo, sembra che il problema dell’Ucraina non sarà risolto a breve. L’effetto si è manifestato con l’aumento dei prezzi dei metalli preziosi sui mercati globali il 10 marzo, quando gli investitori si sono nuovamente allontanati dal rischio e si sono spostati verso classi di attività più sicure.

La fine delle discussioni ha causato anche un crollo dei mercati azionari mondiali, che hanno chiuso in ribasso. Il trend dei metalli preziosi è stato ulteriormente incoraggiato dal costante aumento dell’inflazione negli Stati Uniti.

Il prezzo di un’oncia d’oro da un chilogrammo per il contratto future di aprile ha chiuso a 2.000,40 dollari, con un guadagno dello 0,61%, mentre il prezzo di un’oncia d’argento da un chilogrammo per il contratto future di maggio ha chiuso a 26,26 dollari, con un guadagno dell’1,69%.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading sull’oro>>>è gratis

Inoltre, entrambi i metalli preziosi hanno terminato la giornata con lievi progressi nei mercati locali. Sul Multi-Commodity Exchange (MCX), il contratto future sull’oro di aprile ha chiuso a 53.239 rupie per 10 grammi, con un guadagno dello 0,94%, mentre il contratto future sull’argento di maggio ha registrato un aumento dell’1,29% a 70.471 rupie per chilogrammo.

L’11 marzo, il prezzo di apertura dei futures sull’oro sul MCX era sceso dello 0,1% a 53.089 rupie per 10 grammi, mentre il prezzo di apertura dei futures sull’argento era sceso dello 0,5% a 70.038 rupie per chilogrammo.

Anche se l’inflazione è aumentata e le richieste di disoccupazione negli Stati Uniti sono cresciute, la BCE ha mantenuto invariati i tassi di interesse, contribuendo a sostenere i metalli preziosi sui mercati globali.