Il tasso di cambio USD/JPY dovrebbe salire, ed è possibile un nuovo massimo di 24 anni per questa coppia di valute

Il rinnovato impegno della Fed a contenere l’inflazione offre maggiori possibilità di rialzo all’USD/JPY, poiché i differenziali dei tassi di interesse svolgono un ruolo importante nei flussi di capitale internazionali.

È più probabile che il “carry trade”, in cui gli investitori traggono profitto dalla differenza dei tassi di interesse tra Stati Uniti e Giappone, si allarghi alla luce delle recenti rassicurazioni della Federal Reserve sui rialzi dei tassi in corso.

Alla fine del 2021, quando è stato anticipato a marzo 2022, il tasso d’interesse statunitense è aumentato e il tasso di cambio USD/JPY è diventato un ottimo esempio di carry trade. Da quando ha preso il volo, la Fed ha aumentato i tassi di interesse dallo zero al ventidue e un quarto per cento (dallo 0,25% al 2,5%), dando agli investitori la possibilità di vendere yen e acquistare dollari.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro>>>subito per te 100mila euro per fare pratica nel forex trading

Il tasso di cambio tra dollaro statunitense e yen giapponese è in rialzo da venerdì scorso e ha mantenuto questa tendenza anche lunedì di questa settimana, suggerendo che potrebbe cercare di raggiungere un nuovo massimo di 24 anni. A seguito del recente guadagno del dollaro e della posizione dovish assunta dalla Banca del Giappone (BoJ), è possibile un movimento al di sopra del massimo annuale di luglio (139,40). Il MACD mostra uno slancio dei prezzi in aumento e l’RSI non è entrato nell’area di ipercomprato, quindi un nuovo massimo è ancora possibile.

Il massimo annuale a 139,40 offre una resistenza iniziale, mentre il top di settembre 1998 a 139,91 fornisce ulteriore pressione dall’alto. Tuttavia, l’attività di trading di oggi suggerisce che l’USD/JPY potrebbe doversi stabilizzare prima di fare un altro movimento al rialzo.

Poiché la Fed è ancora intenzionata ad aumentare rapidamente i tassi di interesse e la BoJ è ancora impegnata a fornire un ambiente monetario di sostegno all’economia giapponese, un recente record dell’USD/JPY rimane fondamentalmente positivo.