Il denaro dell’industria petrolifera si riversa in Guyana. Chi ci guadagnerà?

Dopo che le restrizioni COVID hanno influito sul fabbisogno energetico nazionale, lunedì HK ha dichiarato di aspettarsi una capacità di raffinazione piatta nel secondo semestre rispetto al primo, con una produzione annuale di lavorazione per il 2022 inferiore al 6% rispetto al 2021.

L’azienda, ampiamente riconosciuta come Sinopec Corp e la più grande raffineria del pianeta per produzione, prevede di lavorare 240 milioni di tonnellate di greggio nel 2022, hanno dichiarato i funzionari durante una conference call lunedì.

Ciò significa che i quantitativi del secondo semestre saranno stabili rispetto al periodo precedente (120,76 milioni di tonnellate).

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading>>>è gratis

Il vicepresidente Ling Yiqun ha dichiarato di prevedere che il consumo di carburante della Cina tornerà a un ritmo di sviluppo normale nel secondo semestre, grazie alla strategia di stimolo dello Stato e al ripristino della disciplina nel mercato dei carburanti. Non ha fatto previsioni precise.

Secondo il direttore finanziario Shou Donghua, Sinopec ha guadagnato 40 miliardi di yuan in profitti azionari nel primo semestre grazie al boom del mercato petrolifero dopo la crisi ucraina, di cui 29,3 miliardi di yuan in prodotti petroliferi e 10,7 miliardi di yuan in prodotti trasformati.

Il presidente Yu Baocai ha dichiarato che l’azienda ha sempre cercato di variare le fonti di greggio per gestire le spese, insieme a una modesta quota di importazioni di petrolio russo nei primi 6 mesi.

Domenica scorsa Sinopec ha annunciato un utile netto trimestrale di 6,3 miliardi di dollari, grazie all’aumento dei prezzi del petrolio e del gas che ha compensato le minori vendite di carburante locale.