Il canale YouTube del governo sudcoreano è stato violato per trasmettere un video sulle criptovalute con Elon Musk

Il 3 settembre 2022, il principale account Youtube dello Stato sudcoreano è stato oggetto di un attacco hacker. I colpevoli sono riusciti a trasmettere un filmato a tema criptovalute, secondo una dichiarazione dell’organizzazione mediatica coreana Yonhap basata su osservazioni delle autorità governative di Seoul e di Google.

Il canale è stato rinominato “Spacex Invest” nelle prime ore di sabato. Ha anche trasmesso un flusso di criptovalute in diretta, con una conversazione con Elon Musk, amministratore delegato e fondatore di SpaceX.

Secondo un portavoce del Ministero della Cultura, dello Sport e del Turismo della Repubblica di Corea, che gestisce la pagina Youtube, i dipendenti dell’unità sono stati informati del problema alle 6 del mattino e hanno prontamente implementato i protocolli di sicurezza e ripreso il controllo del canale.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

L’ipotesi principale è che siano state sottratte le credenziali dell’account. Google, l’organizzazione madre di YouTube, ha verificato che l’account era stato attaccato, ha affermato Yonhap, citando un rappresentante di Google Korea che ha dichiarato che l’azienda stava indagando sulla questione dell’hacking.

Questa settimana è stata violata anche una pagina Youtube gestita dalla Korea Tourism Organization (KTO). Il canale, che conta oltre 500.000 iscritti, è stato attaccato giovedì e il giorno successivo ed è ancora offline. Secondo un portavoce della KTO, Google disabilita immediatamente l’accesso a un utente quando rileva un’attività insolita.

Un partito antigovernativo avrebbe tentato di mettere all’asta il passaporto del presidente bielorusso Alexander Lukashenko come NFT in un altro attacco informatico. Il gruppo di spionaggio informatico ha raccolto criptovalute per sostenere i propri sforzi in risposta alla partecipazione di Minsk all’attacco della Russia alla vicina Ucraina.