Cameriera riceve 3.000 dollari da un investitore di criptovalute per “restituire alla società”

Un visitatore non locale che ha dichiarato di essere coinvolto in criptovalute ha lasciato a Mariana Lambert, una cameriera della Pennsylvania, USA, una mancia di circa 3.000 dollari su un ordine al ristorante di 13,25 dollari.

Eric Smith ha visitato l’Alfredo’s Cafe, dove si trovava il manager Zachary Jacobson. Secondo Jacobson, Smith stava “cercando di dare un contributo alla società” perché è “originario della regione”.


L’enorme mancia, che secondo Jacobson “ha veramente aiutato” Lambert, che serve nel locale di Scranton da circa 2 anni, ha fatto piangere di gioia la cameriera.


Come i loro colleghi in molte altre nazioni, l’attuale epidemia di COVID-19 ha influenzato negativamente l’industria della ristorazione statunitense, costando a molti di loro il lavoro e un reddito considerevole.


Sebbene la mancia sia stata data in denaro fiat, gli investitori in criptovalute utilizzano anche le mance date in bitcoin (BTC) e altre criptovalute per diffondere la conoscenza delle criptovalute in tutto il mondo e incoraggiare altri che non hanno ancora iniziato a usare e investire in asset digitali.


Dopo che a marzo è circolato un video di un fan delle criptovalute che pagava una cameriera argentina in bitcoin, il cliente ha acquisito notorietà.


Il cliente ha spiegato con cura alla cameriera perplessa come ricevere in pochi secondi una mancia in bitcoin di 20 dollari, pari a circa 0,00524 BTC all’epoca.


Che cosa devo fare ora con questa somma?
L’amico hodler della cliente risponde con un consiglio finanziario: “Lo tenga per 2 decenni”.