Babylon Finance, gestore patrimoniale di criptovalute, chiuderà dopo l’impossibilità di riprendersi dalla violazione di Rari

Babylon Finance, il meccanismo di gestione patrimoniale su Ethereum, dopo essere stato incapace di riprendersi dagli effetti dell’assalto da 80 milioni di dollari di aprile a Rari Capital, cesserà a novembre.

Rari permetteva ai clienti di fornire e prendere in prestito qualsiasi merce dalle sue fonti Fuse per generare rendimenti. I clienti possono creare i loro pool con una selezione di risorse basate su Ethereum, come le monete di Babylon, e altri giocatori possono contribuire con denaro a questi gruppi per ricevere rendimenti. Come compenso per l’attività di mercato su queste piattaforme di liquidità, vengono prodotti dei rendimenti.

Al suo apice, Babylon deteneva 30 milioni di dollari in diverse criptovalute ed era uno dei principali pool di prestito su Rari, con 10 milioni di dollari in fondi forniti dai clienti.

I clienti che utilizzavano le monete BABL native del sistema Babylon come garanzia per i debiti sul sito dovevano pagare un costo di manutenzione dello 0,5% e una commissione di realizzazione del 5%.

Tuttavia, secondo il creatore di Babylon Ramon Recuero, le cose sono peggiorate dopo che Rari ha rifiutato il rimborso promesso ai clienti colpiti dall’hack.

Nell’attacco di Rari, Babylon ha subito una perdita di 3,4 milioni di dollari e i suoi clienti hanno ritirato più del 75% dei loro fondi.

Pertanto, l’obiettivo del gruppo Babylon era quello di accumulare 50 milioni di dollari in risorse fornite dai consumatori. Il sistema sarebbe diventato finanziariamente sostenibile grazie alle quote versate dai clienti in cambio dei rendimenti. La sostenibilità di Babylon come sistema ha raggiunto “il punto critico” a causa della truffa Rari e del forte calo dei prezzi dei gettoni BABL, secondo quanto dichiarato.

Recuero ha continuato che il prezzo dei token è sceso da 20 a 5 dollari, togliendo ai token tutte le potenziali opportunità di finanziamento future. Solo il 10% dell’offerta totale di token, limitata e non gonfiata, è ancora nel Tesoro.

Recuero ha dichiarato che l’azienda consegnerà ai proprietari di BABL tutte le risorse rimaste, comprese tutte le monete maturate dai creatori, nelle prossime settimane.

Gli investitori hanno reagito alla notizia e i prezzi di BABL sono scesi del 92% nelle 24 ore precedenti, secondo le statistiche.