Monza Montevecchia 2021, eco trail essenziale e nazionale
Monza Monza Montevecchia Reale Mutua 2017 (Foto by Fabrizio Radaelli)

Monza Montevecchia 2021, eco trail essenziale e nazionale

Si corre il 23 maggio con una gara essenzionale. Sono ancora aperte le iscrizioni alla Reale Mutua Monza Montevecchia Eco trail che quest’anno passa da gara di livello regionale a competizione nazionale.

Sono ancora aperte le iscrizioni alla Reale Mutua Monza Montevecchia Eco trail che quest’anno passa da gara di livello regionale a competizione nazionale. Al via - domenica 23 maggio alle 8.30 - dalla Villa Reale potranno presentarsi fino a un massimo di 250 coppie, per un totale di 500 atleti. Un’edizione particolare quella organizzata dal Monza Marathon Team per la nona volta a causa delle restrizioni dovute alla pandemia, ma non per questo meno affascinante.

LEGGI Un’edizione wild per la Monza-Montevecchia

I corridori si sfideranno su terreni per lo più sterrati coprendo fino al centro sportivo di Montevecchia una distanza di 33,5 km e un dislivello complessivo di 700 metri. Un percorso affascinante che dopo i giardini Reali, condurrà ai guadi della Valle del Pegorino, passando per i sali e scendi dei colli Briantei prima di affrontare la cronoscalata fino all’agognato Santuario di Montevecchia, il tratto che più mette alla prova gli atleti, e poi gli ultimi chilometri in discesa sino al traguardo.

Due i tratti che prevedono speciali classifiche e premiazioni: il “Trofeo della Velocità – Derma Fresh Mylan”, che sarà assegnato alla coppia più veloce dalla partenza all’uscita del Parco di Monza ed il “Gran Premio della Montagna – Vetraria Cogliati”, la durissima cronoscalata fino alla cima di Montevecchia. E c’è da dire che il rispetto delle norme di sicurezza, che hanno portato alla riduzione di alcuni servizi, renderanno la gara più “wild”.

Ai ristori sarà fornita solo acqua in bottiglia sigillata, non saranno previsti gli spogliatoi, le docce, i massaggi, il pasta party, il pullman per rientrare a Monza e il servizio “scopa”. Il tempo limite di percorrenza è di 4 ore e 15 minuti. Il mercoledì precedente alla gara, come da tradizione, ci sarà l’estrazione dell’ordine di partenza.

La distribuzione dei pettorali invece sarà effettuata solo nella giornata di sabato. Nessun pettorale sarà distribuito la domenica. A tutti i concorrenti sarà dato un ricco pacco gara.

Correre la MoMoT ha anche un aspetto solidale. L’organizzazione sostiene, infatti, due progetti di beneficenza: una parte del ricavato andrà ad Abio, l’associazione che si occupa di aiutare i bambini in ospedale, e una parte sarà donata a “MoviMente insieme”, per la creazione di uno spazio attrezzato all’interno della palestra comunale di Montevecchia nel quale organizzare attività in movimento per persone con disabilità e permettere loro di sviluppare non solo capacità motorie, ma anche di relazione.

Quest’ultimo progetto, già sostenuto l’anno scorso, quest’anno troverà finalmente il suo compimento. Resta anche il connubio arte e sport. L’opera che sarà raffigurata sul pettorale e che verrà consegnata ai primi in assoluto è stata realizzata da Carlo Olper e si intitola “Tutto si muove, tutto corre, tutto volge rapido”.

Uno dei cardini del Futurismo viene ripreso dall’artista come punto di partenza per affermare una poetica incentrata sull’energia e la “linea forza”. Tutti elementi che ben si sposano con una gara di podismo. Le iscrizioni si ricevono on line sul sito OTC (www.endu.net) Nel caso in cui le disposizioni anti Covid in vigore dovessero impedire il regolare svolgimento della manifestazione, il comitato organizzatore in collaborazione con il title sponsor Reale Mutua rimborserà la quota di partecipazione. In questo periodo complesso il comitato vuole ringraziare istituzioni, sponsor, atleti e volontari che hanno già dato la loro adesione all’evento. A tutti loro sarà consegnata la nuova t-shirt “STAFF 2021”, realizzata in collaborazione con Affari&Sport. E non manca il lato social: per la Reale Mutua Monza Montevecchia è stato lanciato l’ hastag #momot2021cisiamo


© RIPRODUZIONE RISERVATA