Monza: Imola ritira la sospensiva, Aci può firmare per il Gp di Formula 1
Angelo Sticchi Damiani e Bernie Ecclestone a Monza (Foto by Fabrizio Radaelli)

Monza: Imola ritira la sospensiva, Aci può firmare per il Gp di Formula 1

Formula Imola ha deciso di ritirare la richiesta sospensiva, il ricorso sarà discusso più avanti: nel frattempo Aci può firmare il contratto per tenere a Monza il Gran premio di Formula 1.

Nel giorno in cui il giudice si sarebbe dovuto pronunciare Formula Imola ha ritirato la richiesta di sospensiva nel ricorso contro Aci che ha scelto di pagare il mantenimento a Monza del Gran premio di Formula 1. In estate la società che gestisce il circuito romagnolo si era opposta di fronte al Tar del Lazio chiedendo di fatto di non procedere al rinnovo del contratto per lo svolgimento della competizione in Brianza.

LEGGI Il futuro del Gp d’Italia: l’accordo c’è, mancano la firma e l’annuncio

Ma la stessa società martedì 30 agosto, alla vigilia della conferenza stampa per la presentazione a Monza del Gran premio 2016, ha deciso di ritirare la sospensiva: significa che il procedimento andrà avanti ma verrà discusso, nel merito, molto più avanti e facendo i conti con diversi gradi di giudizio. Nel frattempo, Aci è libera di pagare il rinnovo del contratto con Ecclestone per Monza.

Lo stesso Comune di Monza si era nel frattempo opposto al Tar di Lazio contro Formula Imola. «Ci siamo sentiti in dovere di ricorrere a difesa di un patrimonio dell’Italia, non solo di Monza e del territorio - aveva detto il sindaco Roberto Scanagatti nel corso dell’estate - . Il ricorso di Formula Imola è grave perché mette a rischio il futuro del Gp di F1 in Italia dopo che, a fatica, tutti le istituzioni e gli enti coinvolti stanno chiudendo la delicata partita del rinnovo con la Fom di Ecclestone. È perciò un’azione di disturbo inutile e dannosa perché ricordo a tutti, ma in particolare alla parte pubblica che detiene il controllo di Formula Imola spa, che Aci Italia ha agito su mandato dal Governo e del Parlamento».


© RIPRODUZIONE RISERVATA