Mondiali di Yokohama: problemi nel cambio alla staffetta, niente podio per Tortu
Niente podio a Yokohama per gli Azzurri

Mondiali di Yokohama: problemi nel cambio alla staffetta, niente podio per Tortu

Niente medaglia per Filippo Tortu che ha gareggiato per l’Italia con la 4×100 maschile ai Mondiali di staffette che si sono conclusi domenica a Yokohama (Giappone): per un problema all’ultimo cambio gli Azzurri non hanno concluso la prova. L’Italia si è consolata con la qualificazione ai Mondiali di Doha.

Niente medaglia per Filippo Tortu che ha gareggiato per l’Italia con la 4×100 maschile ai Mondiali di staffette che si sono conclusi domenica a Yokohama (Giappone). Il quartetto azzurro si era presentato all’atto conclusivo con il terzo tempo delle batterie e andava a caccia del podio ma purtroppo l’ultimo cambio tra Davide Manenti e Filippo Tortu non è ben riuscito e la Nazionale italiana non ha terminato la prova: un vero e proprio peccato perché gli azzurri erano ampiamente in lotta per il piazzamento di lusso ed erano addirittura in lizza per la conquista della medaglia d’oro.

Un errore che ha impedito a Tortu di lanciarsi a tutta velocità verso il traguardo e di trascinare i compagni verso la gloria, l’occasione era davvero ghiotta dopo che Eseosa Desalu e Marcell Jacobs si erano resi protagonisti di due buone frazioni. L’Italia si è consolata con la qualificazione ai Mondiali di Doha che era già arrivata nella giornata di sabato: in Qatar filippo e gli altri azzurri andranno a caccia de colpaccio ma la chance sciupata in Giappone difficilmente capiterà ancora.

A Yokohama a vincere è stato il sorprendente Brasile di Do Nascimento, Vides, Silva, De Oliveira e col tempo di 38.05 ha battuto di due centesimi la nazionale USA con Michael Rodgers, Justin Gatlin, Isiah Young e Noah Lyles. La Gran Bretagna di Ujah e Gemili ha completato il podio (38.15) davanti alla Cina di Bingtian Su (38.16) e alla Francia di Vicaut (38.31), soltanto sesta la Giamaica di Nesta Carter (38.88) che ha preceduto la Turchia (39.13).


© RIPRODUZIONE RISERVATA