Coronavirus, il velocista Filippo Tortu: «Giusto rinviare le olimpiadi di Tokyo 2020»  - VIDEO
Carate B. Filippo Tortu (Atl.Fiamme Gialle)

Coronavirus, il velocista Filippo Tortu: «Giusto rinviare le olimpiadi di Tokyo 2020» - VIDEO

Per Filippo Tortu, punta di diamante dell’atletica italiana, rinviare le olimpiadi di Tokyo 2020 per l’impossibilità di prevedere l’evoluzione dell’emergenza coronavirus è stata “una scelta giusta”: «Avrò un anno in più per prepararmi», dice il caratese.

Le olimpiadi sono il sogno di ogni atleta e non è una frase fatta. Sono il sogno di ogni bambino che inizi a praticare uno sport. Ecco perché il 24 marzo, nel mezzo della più grave emergenza sanitaria mondiale della storia recente, è stata un’altra giornata a suo modo storica. I giochi di Tokyo 2020 sono stati rinviati ufficialmente per l’emergenza coronavirus e “per preservare la salute degli atleti e di tutti i partecipanti”. E per Filippo Tortu, punta di diamante dell’atletica italiana, è stata “una scelta giusta”. Proprio lui, 20 anni e tante speranze a cinque cerchi, che fino all’altroieri postava sui social le foto dei suoi allenamenti forzatamente casalinghi, coi pesi in cameretta: perché “Quando il traguardo è chiaro nella mente, ogni posto diventa quello giusto per allenarsi”.

Atletica: Filippo Tortu è testimonial della campagna del Ministero della Salute di prevenione dal  coronavirus

Atletica: Filippo Tortu è testimonial della campagna del Ministero della Salute di prevenione dal coronavirus


«Rinviare le Olimpiadi è la scelta giusta: dobbiamo tutelare la salute di tutti e anche noi atleti dobbiamo adeguarci a questo momento di crisi internazionale - ha commentato attraverso un video - Per quanto mi riguarda avrò un anno in più per prepararmi, mi mancherà non essere a Tokyo e l’attesa sarà ancora più bella, come quando desideri tanto qualcosa. A presto Tokyo”.

L’appuntamento è per il 2021. E la cosa più importante adesso è tornare in pista prima possibile, perché vorrà dire che tutto sta tornando alla normalità.

IL VIDEO


© RIPRODUZIONE RISERVATA