Sciopero di St, Alcatel e Micron

Al corteo arriva anche il Gabibbo

Sciopero di St, Alcatel e Micron  Al corteo arriva anche il Gabibbo

Due cortei molto partecipati, una protesta con oltre un migliaio di persone per dire no ai licenziamenti e sì agli investimenti nel polo hi-tech vimercatese. E pure col Gabibbo di canale 5. Mercoledì mattina sciopero congiunto dei lavoratori Alcatel, St e Micron. Chiusa l’uscita dell’autostrada.

Due cortei molto partecipati, una protesta con oltre un migliaio di persone per dire no ai licenziamenti e sì agli investimenti nel polo hi-tech vimercatese. E pure col Gabibbo di canale 5. Si è presentata così la manifestazione congiunta dei lavoratori di Micron e Alcatel in sciopero mercoledì mattina alla rotonda agratese che dà accesso all’autostrada A4. Il motivo è semplice: scioperare per far sentire la propria voce ai vertici aziendali delle due multinazionali che hanno annunciato il taglio del personale.

«Chiediamo solo di continuare a fare il nostro lavoro», hanno sottolineato a più riprese i dipendenti durante lo sciopero. L’incontro al rondò agratese è stato l’ultimo atto di una protesta iniziata dal sito produttivo di St e Micron in via Olivetti ad Agrate con 300 persone e altre 600 partite dalle Torri Bianche di Vimercate, dove ha sede l’Alcatel e da qualche settimana anche la Micron.

I due lunghi cortei, sfilando per le strade, si sono riuniti in mezzo alla strada costringendo la chiusura dell’uscita dell’A4 e congestionando il traffico. Per il momento a rischiare di trovarsi disoccupati sono circa 596 persone di Alcatel - di cui 450 solo del sito vimercatese - e altre 223 della Micron.

I sindacati e i delegati Rsu di altre aziende del vimercatese hanno portato il loro fermo sostegno contro queste ristrutturazioni che mettono fuori gioco quasi 700 famiglie residenti nella zona. Sul posto anche il sindaco di Agrate Ezio Colombo, il vicesindaco di Vimercate Corrado Boccoli e l’assessore provinciale Enrico Elli con delega al Lavoro oltre al Gabibbo, inviato della trasmissione tv Striscia la notizia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA