Lavoro, alla monzese Project Automation accordo per tutelare le neomamme
MONZA PROJECT AUTOMATION (Foto by FABRIZIO RADAELLI)

Lavoro, alla monzese Project Automation accordo per tutelare le neomamme

Un accordo innovativo per tutelare le neomamme lavoratrici: Project Automation, società monzese con sede in viale Elvezia, e Fim Cisl Monza Brianza Lecco hanno siglato un’intesa che consente alla lavoratrice, durante il periodo di maternità facoltativa, di ricevere lo stipendio in maniera quasi integrale. E non è l’unica novità per i dipendenti.

Un accordo innovativo per tutelare le neomamme lavoratrici che potranno prendersi cura del neonato senza la paura di perdere il posto di lavoro. E uno sguardo al futuro trattamento pensionistico per tutti i dipendenti, uomini e donne.

Project Automation, società monzese con sede in viale Elvezia, e Fim Cisl Monza Brianza Lecco hanno siglato un’intesa che consente alla lavoratrice, durante il periodo di maternità facoltativa, di ricevere lo stipendio in maniera quasi integrale. Il patto, inoltre, dedica ampio spazio alla previdenza integrativa dei dipendenti.

Nella fase di maternità facoltativa, della durata di sei mesi, l’Inps garantisce alla lavoratrice il 30% della retribuzione. A questa percentuale l’azienda monzese aggiunge una quota del 50%. Per quel che riguarda la previdenza, l’accordo prevede un’erogazione massima sul fondo di previdenza complementare, da parte dell’azienda, di una quota annua di duemila euro da qui al 2023. Il dipendente, inoltre, può anche decidere di dirottare sul fondo di previdenza l’intero premio di risultato. Quest’ultimo sarà rispettivamente, quest’anno e nei due anni successivi, di 700, 1.300 e 1.850 euro. L’intesa, frutto della contrattazione aziendale, avrà una durata triennale. Il precedente accordo aziendale già conteneva dei punti particolarmente innovativi, ora ulteriormente sviluppati.

«Fim, Rsu e azienda - precisa Gabriele Fiore, operatore Fim Cisl Monza Brianza Lecco – hanno dato una particolare importanza ai capitoli relativi al welfare. Il primo accordo aziendale risale a tre anni fa. Questa seconda intesa ribadisce come le buone relazioni sindacali favoriscano lo sviluppo delle aziende e portino significativi vantaggi alle lavoratrici e ai lavoratori. La Project Automation ha sempre ragionato in termini di prospettive».

L’applicazione dell’accordo si basa sul raggiungimento di determinati risultati fissati in precedenza. L’azienda e la Fim Cisl hanno anche deciso di prorogare al 2023 il capitolo dedicato alla banca ore solidale: in pratica, i dipendenti potranno sempre cedere ore di ferie e permessi ai colleghi che devono assistere famigliari per motivi di salute.

La Project Automation è un’azienda che opera nel comparto della ingegneria dei sistemi di telemisura, supervisione e controllo. La società ha la sede centrale a Monza e nove filiali distribuite sul territorio nazionale. I dipendenti sono complessivamente 200.


© RIPRODUZIONE RISERVATA