Addio a Mario Galbusera, fondatore del colosso dei biscotti
Cosio Valtellino festa per Mario Galbusera (Foto by Silvio Sandonini)

Addio a Mario Galbusera, fondatore del colosso dei biscotti

VIDEO - Addio al fondatore del biscottificio Galbusera. Mario Galbusera è morto lunedì: aveva 93 anni ed è stato per oltre 60 anni alla guida dell’azienda dolciaria valtellinese con importante sede commerciale ad Agrate Brianza.

Addio al fondatore del biscottificio Galbusera. Mario Galbusera è morto lunedì: aveva 93 anni ed è stato per oltre 60 anni alla guida dell’azienda dolciaria valtellinese con importante sede commerciale ad Agrate Brianza. La notizia è stata comunicato ai dipendenti dello stabilimento di Cosio Valtellino verso le 19.30.

Era nato a Morbegno nel giugno 1924 e ricopriva il ruolo di presidente onorario dell’impresa nata dal laboratorio di pasticceria del padre Ermete e poi diventata una delle più importanti a livello nazionale.

Dopo gli studi da ragioniere e un breve periodo alla Bocconi di Milano, Mario Galbusera assieme al fratello Enea si era dedicato all’attività di famiglia facendola diventare, in pochi anni, uno dei marchi tra i più noti nel panorama italiano grazie anche all’impatto sul marketing negli anni ‘80 di figure come il Mago G, il testimonial in frac giallo e parrucca. Nel 2002 Galbusera aveva ricevuto il titolo di Cavaliere del Lavoro.

Uno spot del 1981

Il quotidiano La Provincia ne ricorda l’ultima uscita, risalente a due anni fa, quando furono i suoi dipendenti a volerne celebrare l’impegno e l’umanità con una cerimonia informale che si svolse negli spazi della mensa aziendale.

«In carriera ho ricevuto diversi premi - disse in quella occasione - ma il vostro è quello che più mi fa felice e mi commuove. Per salire in alto qualcuno deve tenere la scala, questo è stata mia moglie per me. E non dimentico quando, mentre realizzavo lo stabilimento di Cosio Valtellino, i lavoratori di Morbegno del turno della mattina tornavano ad aiutarmi a avviare questo impianto».

Lo spot del 1987 con Ilary Blasy


© RIPRODUZIONE RISERVATA