Ospedale San Gerardo, a Monza nasce il Centro Studi sul tumore mammario nella memoria di Raffaella Trabattoni
Ospedale San Gerardo tumore al seno: dottoressa Marina Cazzaniga con lo staff

Ospedale San Gerardo, a Monza nasce il Centro Studi sul tumore mammario nella memoria di Raffaella Trabattoni

Apre all’ospedale San Gerardo di Monza la sede operativa del “Centro Studi sul tumore mammario Raffaella Trabattoni”. Per un percorso fra ricerca e condivisone degli obiettivi di vita.

Un nuovo centro per studiare uno dei tumori più diffusi: quello al seno che ogni anno in Italia colpisce quasi 53.000 donne, circa 2.500 nella sola provincia di Monza e Brianza. Apre all’ospedale San Gerardo di Monza la sede operativa del “Centro Studi sul tumore mammario Raffaella Trabattoni”, istituito e formalmente afferente ad un Ente esterno senza fini di lucro, il Consorzio A&Q.

Raffaella Trabattoni era una donna bella dentro e fuori, forte e coraggiosa. Ha fatto un lungo percorso di vita accompagnata dalla malattia combattendola con tenacia. Dopo la sua scomparsa, la generosità della sua famiglia ha permesso la realizzazione del centro studi nel cui atto di donazione è stato stabilito che il fondo venisse utilizzato per realizzare studi pre-clinici, ma con ricadute cliniche sulle pazienti.

“Anche le forme biologicamente più favorevoli, quelle che esprimono i recettori ormonali, possono dare metastasi, più frequentemente alle ossa e al polmone - specifica la professoressa Marina Cazzaniga, oncologa, direttore del Centro Ricerca Fase 1 della ASST di Monza e ricercatrice del Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca - Oggi abbiamo tanti farmaci e molti protocolli di ricerca che possono rallentare l’evoluzione della malattia, anche a Monza: l’istituzione nel 2017 del Centro di Ricerca ci ha permesso di poter offrire alle nostre pazienti oncologiche ma non solo, farmaci innovativi che altrimenti avrebbero avuto solo spostandosi in altri centri”.

La professoressa Cazzaniga ha seguito Raffaella Trabattoni nel suo percorso di malattia avanzata per sette lunghi anni “cercando insieme l’equilibrio fra le cure e la sua qualità di vita, sostenute da suo marito - precisa la professoressa Cazzaniga - Oggi il centro studi a lei dedicato consente di proseguire le nostre ricerche sulla terapia metronomica, che anche Raffaella aveva utilizzato con successo, ma spaziando anche ad altri studi pre-clinici, in collaborazione con il laboratorio di medicina molecolare dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca”.

Un percorso fra ricerca e condivisone degli obiettivi di vita quello che oggi trova il suo compimento nell’inaugurazione di questo centro di studi, sede simbolica nel Centro di Ricerca Fase 1, vicino al cuore delle pazienti, ma aperto al mondo accademico e scientifico.

“Grazie al Centro Studi Raffaella Trabattoni, con Nicoletta Cordani e Maria Grazia Cerrito, colleghe dell’Università Milano-Bicocca, stiamo lavorando su due progetti molto importanti per noi e per le nostre pazienti - conclude la professoressa Cazzaniga - Il primo riguarda lo studio dei meccanismi di resistenza agli inibitori CDK 4/6, che oggi sono la terapia standard per le pazienti con tumori che esprimono i recettori ormonali, come la malattia di Raffaella. Il secondo è uno studio di frontiera, in collaborazione con l’Istituto Besta e con il gruppo del professor Augusto Pessina dell’Università degli Studi di Milano: è una ricerca che riguarda l’impiego delle cellule mesenchimali per veicolare il farmaco chemioterapico, con il duplice scopo di mirare il tumore come un bersaglio e rilasciare a questo livello il farmaco. Abbiamo sempre lavorato sulla medicina di precisione, massimo effetto sul tumore, pochi effetti sulla qualità della vita dei pazienti; la chemioterapia metronomica e le nuove ricerche sulle cellule staminali potrebbero cambiare parte della storia di malattia di altre donne come lei. Raffaella ancora una volta non ha ceduto il passo alla sua malattia, oggi la combatte solo con armi diverse”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA