Coronavirus, il Codacons: “Con nido e asili chiusi la retta non va corrisposta”
Il Codacons interviene sulle rette degli asili

Coronavirus, il Codacons: “Con nido e asili chiusi la retta non va corrisposta”

Il presidente nazionale della associazione Marco Donzelli: “se il servizio non è erogato, nessun corrispettivo economico è dovuto da parte dei genitori.Si tratta di contratti a prestazioni corrispettive”

Il Codacons (associazione a difesa dei consumatori) interviene a proposito del pagamento delle rette di asili nido e scuole dell’infanzia nonostante l’attività sospesa per l’emergenza sanitaria in corso: “Sono tantissimi i genitori che si stanno domandando come richiedere il rimborso della retta dell’asilo per chiusura emergenza Coronavirus, perché nonostante l’impossibilità di usufruire del servizio, molti asili nido stanno, comunque, continuando a richiedere il pagamento delle rette, molte volte facendo leva su clausole contrattuali vessatorie”.

“Ci giungono segnalazioni su segnalazioni in merito - commenta il Presidente del Codacons Marco Donzelli - se il servizio non è erogato, nessun corrispettivo economico è dovuto da parte dei genitori.Si tratta di contratti a prestazioni corrispettive, quindi se la prestazione non è erogata, anche se non è colpa della scuola, la retta non va pagata”.

Per informazioni, segnalazioni e assistenza è possibile contattare il Codacons ai seguenti numeri 02/29419096 e 02/29408196 oppure scrivere al nostro sito internet www.codaconslombardia.it


© RIPRODUZIONE RISERVATA