Un report evidenzia come una crisi economica possa contribuire all’abbassamento dei prezzi del caffè

L’economia mondiale sta attraversando una recessione e i prezzi potrebbero diminuire.

La disponibilità di chicchi è stata al livello più basso dal 2008, ma i fondamenti dell’industria del caffè rimangono solidi. L’analista Natalia Gandolphi ha affermato nella ricerca che “le prospettive macroeconomiche hanno bilanciato quei fondamentali favorevoli e non è la prima volta” che ciò si verifica. Ha anche notato che i prezzi del caffè sono diminuiti in media del 13 % durante le ultime quattro recessioni globali.

In risposta agli investitori che hanno venduto le posizioni lunghe a causa delle preoccupazioni per l’aumento dei tassi di interesse e una potenziale recessione, venerdì i futures sul caffè Arabica su ICE USA sono crollati al livello più basso degli ultimi nove mesi. Nel trading irregolare di lunedì, i prezzi sono leggermente rimbalzati. Natalia ha anche mostrato nelle sue scoperte che i costi del caffè sono diminuiti del 12% durante l’ultima recessione globale nel 2008-2009.

La società di consulenza ha tagliato le sue stime per la produzione di caffè in Colombia (13,2 milioni di sacchi), Honduras (6,3 milioni di sacchi) e Vietnam (31,7 milioni di sacchi) questo mese a causa di problemi meteorologici e costi elevati dei fertilizzanti. Vede il saldo dell’offerta globale a un piccolo surplus di 0,3 milioni di sacchi nel 2022/23. Il broker e consulente HedgePoint Global Markets prevedeva che il rapporto stock-to-use, che misura la quantità di offerta nel mercato globale del caffè, scendesse a circa il 40% nella stagione 2022-23 (ottobre-settembre). Ciò segnerebbe un calo dal 2008 al 2009. Il maltempo della scorsa stagione ha portato a un deficit di mercato delle borse di 7,2 milioni.