Rio Tinto e il resto di Turquoise Hill raggiungono un accordo da 3,3 miliardi di dollari

Il resto della società canadese Turquoise Hill Resources sarà acquistato da Rio Tinto per 3,3 miliardi di dollari, dando alla multinazionale mineraria la completa proprietà di una grande miniera di rame in Mongolia.

Rio rimborserà 43 dollari per ogni azione considerata in contanti per il 49% di Turquoise Hill che non possiede soltanto, una cifra superiore alla proposta edulcorata di 40 dollari per azione avanzata il mese scorso e che rappresenta almeno il prezzo massimo del 19% rispetto alla dose più recente del titolo.

Il minerario internazionale acquisirà ora la partecipazione del 66% di Turquoise Hill in Oyu Tolgoi, la più grande risorsa di rame e oro registrata al mondo, che si trova a 550 chilometri a sud di Ulaanbaatar, la capitale della Mongolia.

Mentre il mondo si prepara alla decarbonizzazione, le società minerarie internazionali sono alla ricerca di sviluppo in materie prime come il rame, utilizzato nei generatori eolici, negli impianti solari e nei cavi elettrici, e il nichel e il litio, utilizzati nei veicoli elettrici a batteria (EV).

Sono passati circa sei mesi da quando Turquoise Hill ha rifiutato l’offerta iniziale di Rio di 34 dollari per azione perché troppo bassa.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading>>>è gratis

Il governo mongolo e Rio, che detiene il 34% residuo di Oyu Tolgoi, hanno risolto il loro lungo disaccordo all’inizio di quest’anno sull’espansione della miniera per 7 miliardi di dollari.

Nel tentativo di passare all’energia sostenibile e al mercato dei veicoli elettrici, il mese scorso il gruppo BHP, concorrente di Rio, ha rifiutato la proposta di acquisizione di OZ Minerals per 8,34 miliardi di dollari australiani (5,8 miliardi di dollari).

Sebbene esperti e banchieri ritengano che BHP debba farlo se vuole salvaguardare l’asset, non ha dichiarato se intende addolcire la sua offerta.

Gli accordi aumenteranno il finanziamento anticipato di 400 milioni di dollari a 650 milioni di dollari. La scadenza per generare 650 milioni di dollari in azioni e rimborsare il debito sarà ora almeno il marzo 2023.

Gli accordi rivisti includono anche la promessa di Rio di partecipare proporzionalmente attraverso l’emissione iniziale di azioni.