Rapporto sui prelievi agricoli: Geojit

Geojit riferisce che venerdì il complesso delle spezie del NCDEX ha registrato un andamento misto. I futures su coriandolo e jeera sono aumentati leggermente, mentre quelli sulla curcuma sono diminuiti.

Il complesso delle spezie dell’NCDEX ha registrato venerdì un andamento misto. I prezzi della curcuma sono scesi, mentre i futures del coriandolo e della jeera sono cresciuti leggermente. L’aumento della domanda da parte dei mercati nazionali ed esteri ha favorito i futures del coriandolo, mentre il calo della produzione ha favorito l’aumento dei prezzi della jeera.

Mentre la semina procedeva, la domanda di curcuma è rimasta in sordina. Secondo le quarte proiezioni avanzate del governo del Gujarat, la produzione di jeera dovrebbe diminuire del 44,5% a 221500 tonnellate nel 2021-2022 su base annua, mentre la produzione di coriandolo dovrebbe scendere a 208090 tonnellate, con un calo del 5,9% nello stesso periodo.

Secondo una circolare del National Commodity & Derivatives Exchange, il Securities and Exchange Board of India ha dato la sua approvazione per il lancio di opzioni su contratti di merci su coriandolo, jeera e curcuma. A partire dal 15 luglio, i trader avranno accesso ai contratti di opzione su merci per le tre materie prime con date di scadenza comprese tra agosto e novembre.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading sull’oro>>>è gratis

Verranno addebitate 30 rupie ogni 100.000 rupie di premio. Secondo il contratto, l’unità di negoziazione e consegna per curcuma, coriandolo e jeera è di 5 tonnellate ciascuna.

Il contratto future con lo stesso sottostante entrerà in vigore un giorno dopo il contratto di opzioni. La risoluzione del contratto comporterà la consegna obbligatoria di tutte le posizioni aperte rimaste. Il prezzo di liquidazione finale e la data di scadenza sono identici a quelli del contratto future.

Secondo i dati dello Spices Board India, il valore delle esportazioni indiane di spezie è sceso di circa l’1,25% a 3.057.644,24 rupie nel biennio 2021-22, con un calo di quasi il 13% rispetto all’anno precedente.

L’India ha esportato 153.154 tonnellate di curcuma nell’anno fiscale 2021-22, con un calo del 16,70%. Le esportazioni di coriandolo sono diminuite del 15,16% rispetto all’anno precedente, scendendo a 48.658 tonnellate, mentre quelle di jeera sono diminuite del 27,28%, scendendo a 216.996 tonnellate. Le esportazioni di cardamomo piccolo sono aumentate del 63% a 10.572 tonnellate, mentre quelle di pepe sono aumentate del 9,5%.