Lotta al rally del tasso EUR/USD di fronte all’ex zona di supporto

Il tasso di cambio euro-dollaro è vicino ai massimi della scorsa settimana (0,9854), con il dollaro statunitense relativamente debole. Tuttavia, il recente rimbalzo del tasso di cambio sembra essere in ritardo di fronte alla base di rendimento recentemente abbandonata intorno al minimo di luglio (0,9952), con la coppia che fatica a continuare la tendenza di massimi e minimi più alti della settimana precedente.
Il tasso di EUR/USD fatica a recuperare di fronte all’ex area di supporto

Sembra che la coppia EUR/USD abbia invertito la rotta dopo aver fallito il test del minimo di giugno 2002 (0,9303), dato che anche l’indice di forza relativa (RSI) è tornato ad uscire dal territorio di ipervenduto. Se riuscisse a tornare ben al di sopra della precedente base di autorità intorno al minimo di luglio, potrebbe tentare di testare la media mobile semplice a 50 giorni (1,0016). (0.9952).

Ciononostante, la coppia EUR/USD potrebbe continuare a seguire la pendenza negativa della media mobile, dato che anche la Federal Reserve continua a perseguire una politica restrittiva, così come la riunione di settembre della Banca centrale europea (BCE) potrebbe fare ben poco per influenzare il tasso di cambio, dato che anche il Consiglio direttivo “anticipa il trasferimento dai tassi di politica altamente affiliativi attualmente accettati verso livelli tali da garantire il rispetto del nostro obiettivo di medio termine del 2% per l’inflazione”.

Il Consiglio direttivo si impegna a “seguire un approccio da riunione a riunione”, il che potrebbe significare un altro rialzo dei tassi di 75 pb il 27 ottobre, in risposta all’aumento più consistente del previsto dell’indice dei prezzi al consumo dell’area dell’euro (CPI). Tuttavia, i commenti suggeriscono che la BCE normalizzerà la politica monetaria a una velocità moderata, poiché la banca centrale accetta che “i rischi per la crescita sono principalmente al ribasso”.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro>>>subito per te 100mila euro per fare pratica nel forex trading

Fino ad allora, l’ex zona di supporto intorno al minimo di luglio (0,9952) potrebbe fungere da resistenza per la coppia EUR/USD, rendendo difficile il mantenimento del rimbalzo dal minimo annuale (0,9536). Nel frattempo, sembra persistere l’inclinazione del sentiment del retail, con i trader che sono net-long sulla coppia per la maggior parte di quest’anno.

Le posizioni nette lunghe sono in aumento di 3,83 punti percentuali rispetto a ieri e in calo di 22,54 punti percentuali rispetto alla scorsa settimana, mentre le posizioni nette corte sono in aumento di 9,45 punti percentuali rispetto a ieri e in aumento di 57,57 punti percentuali rispetto alla scorsa settimana. Poiché la scorsa settimana il 74,79% degli operatori era net-long sull’EUR/USD, la riduzione dell’interesse net-long ha contribuito a ridurre il comportamento di affollamento, mentre l’aumento della posizione net-short è dovuto al fatto che l’EUR/USD non riesce a prolungare la serie di massimi e minimi della scorsa settimana.

Tuttavia, il Consiglio direttivo ha mostrato scarso interesse ad attuare una politica restrittiva, per cui il resoconto di tali riunioni della BCE potrebbe avere scarso impatto sulle prospettive a breve termine dell’EUR/USD. Inoltre, il rimbalzo dal minimo annuale (0,9536) potrebbe essere temporaneo se la precedente zona di aiuto intorno al minimo di luglio (0,9952) si dimostrerà resistente.