Le major petrolifere raggiungono il record di 50 miliardi di dollari, mentre la BP è ancora in viaggio

Le grandi compagnie petrolifere stanno registrando ricavi mai visti prima e gli azionisti vengono ricompensati con buone azioni.


Le maggiori società energetiche del mondo, tra cui Exxon Mobil (XOM.N), TotalEnergies (TTEF.PA) e Chevron (CVX.N) stanno ottenendo i migliori benefici di sempre dai programmi di riacquisto. Tuttavia, le stesse società sono state criticate per non aver apportato modifiche costanti ai prezzi dopo aver osservato l’inflazione globale dei prezzi di petrolio, gas e carburante.


Le due società statunitensi citate hanno registrato complessivamente entrate per circa 50 miliardi di dollari, accompagnate dalla francese Total Energies e dalla britannica Shell. Le entrate di questo gruppo per l’anno scorso sono state solo la metà di quelle ottenute quest’anno.


Il maggior profitto è stato ottenuto da Exxon, con circa 17,9 miliardi di dollari su base trimestrale. Si tratta del record di ricavi più alto mai generato da un’azienda petrolifera. Gli altri tre concorrenti hanno cercato in tutti i modi di raggiungere il traguardo inalterato stabilito dalla Exxon.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading sull’oro>>>è gratis


Gli azionisti stanno affrontando critiche estreme da parte dei sostenitori degli investitori per aver ottenuto la maggior parte del denaro nei loro buyback. I critici ritengono che si tratti più di un utilizzo dei fondi desiderato che di un investimento aziendale.


Il gruppo delle quattro major petrolifere ha realizzato questo margine elevato commerciando gas e petrolio e ha restituito agli azionisti 23 miliardi di dollari.


Le società sono state prese di mira anche per aver ignorato il passaggio all’energia a basse emissioni di carbonio o per aver investito in nuovi mezzi di produzione di petrolio e gas. Si ritiene che queste major petrolifere si preoccupino solo di una cosa: generare ricavi.