La corsa all’oro dell’estrazione di bitcoin in Texas è giunta al termine

Il Texas era un luogo benedetto per i minatori di bitcoin, una nazione orientata al mercato con una legislazione stabile e una fornitura di energia apparentemente illimitata. Tuttavia, la marea è cambiata.


Steve Kinard, responsabile dell’analisi del mining di bitcoin presso il Texas Blockchain Council (TBC), l’ente regolatore della rete elettrica del Paese, l’Electric Reliability Council of Texas (Ercot), ha rinviato il rilascio di nuove autorizzazioni per l’allacciamento dei minatori alla rete. L’Ercot sta cercando di armonizzare il modello di consumo elettrico dello Stato.


Nel frattempo, il flusso di elettricità liberamente accessibile in Texas si è esaurito e i minatori di bitcoin devono progressivamente costruire sistemi elettrici come generatori e cavi di alimentazione a cui collegare i loro computer. Questa costruzione richiederà del tempo.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!


Kinard ha dichiarato che ci sono pochissimi luoghi in cui è possibile arrivare a piedi e collegarsi senza fatica, anche per impianti modesti che consumano circa 10 MW. Ha dichiarato che molte persone hanno cercato e che ora non ce ne sono più.


Ercot ha espresso preoccupazione per il numero significativo di minatori in attesa di connettersi alla rete e ha indicato a CoinDesk la TBC.


Queste sfide arrivano in un momento inopportuno. I minatori di criptovalute sono stati in difficoltà a causa del crollo dei prezzi dei bitcoin durante l’estate, che ha ridotto i profitti dei minatori e costretto alcuni di loro a vendere i token estratti per coprire i costi operativi.