La Banca di Russia promuoverà il rublo digitale nel commercio mondiale, mentre il Ministero delle Finanze cerca un’alternativa alle criptovalute

La Banca centrale della Russia (CBR) “spingerà attivamente” l’uso del rublo virtuale nelle transazioni transfrontaliere, secondo quanto dichiarato dal governatore Elvira Nabiullina in un programma televisivo di Russia-24. Il filmato commemorava il 220° anniversario del Ministero delle Finanze della Federazione Russa.

Sulla scia delle restrizioni occidentali, l’agenzia ha recentemente affermato di aver raggiunto un accordo con le autorità finanziarie sulla necessità di autorizzare i pagamenti globali in criptovalute. Come dichiarato dal ministero, “è difficile operare senza pagamenti globali in criptovalute” nelle attuali circostanze.

Secondo i media russi, il vice ministro delle Finanze Alexey Moiseev dovrebbe autorizzare presto queste transazioni. Anche Anatoly Aksakov, capo della commissione per i mercati finanziari della Duma di Stato, ha appoggiato gli sforzi per consentire i pagamenti in criptovalute nel commercio estero.

Alla luce delle dichiarazioni di questi funzionari governativi sulla necessità di adottare le criptovalute come metodo di pagamento in grado di alleggerire il peso delle restrizioni imposte ai commercianti russi, la CBR ha annunciato l’intenzione di dare priorità all’utilizzo della moneta virtuale emessa dal governo.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Il governatore ha dichiarato che molte istituzioni finanziarie russe e altre organizzazioni sono interessate o hanno già iniziato a partecipare allo schema pilota per il CBDC russo, che dovrebbe concludersi l’anno prossimo. Ha inoltre dichiarato che il sistema del rublo virtuale sarà collegato alle valute virtuali di altri Paesi.

Moiseev ha dichiarato questa settimana, durante la Conferenza economica orientale di Vladivostok, che il Ministero delle Finanze intende avviare il quadro di autorizzazione per le transazioni internazionali di criptovalute durante la sessione autunnale della Duma di Stato.

Il funzionario ha dichiarato che, sebbene questi trasferimenti non siano attualmente vietati, è importante controllare lo scambio di Bitcoin con la valuta fiat in modo legale.