Il famoso creatore di blockchain respinge le accuse di campagna diffamatoria

Emin Gün Sirer, CEO di Ava Labs, ha respinto l’idea che la sua azienda sia impegnata in una campagna diffamatoria contro i rivali di Avalanche, la blockchain layer 1 da 5 miliardi di dollari dell’azienda, dichiarando le accuse attuali “inequivocabilmente errate”.

Secondo Gün Sirer, queste accuse sono nate quando Kyle Roche, un avvocato di un’azienda assunta nei primi tempi della loro società, ha cercato di attirare un potenziale socio d’affari facendo dichiarazioni fuorvianti sulla portata del suo impiego per Ava Labs.

Gün ha risposto a seguito di una rivelazione del sito web di hacker Crypto Leaks del 26 agosto, secondo cui i funzionari di Ava Labs avrebbero pagato lo studio legale Roche Freeman per diffamare i rivali attraverso cause collettive, che avrebbero portato ulteriore attenzione da parte di autorità crittografiche come la SEC.

Gün Sirer, un ex docente della Cornell University diventato investitore in blockchain, ha espresso il suo disappunto per la risposta dell’industria delle criptovalute alla notizia, che ha definito “una chiara stronzata”.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Secondo Gün Sirer, Avalanche non affida le sue questioni governative a Roche e non gli ha dato l’incarico di avviare alcuna causa per conto di altre iniziative, tra cui una denuncia di class action presentata a luglio contro Solana Labs, la società dietro la rete Solana. Secondo la causa, la moneta SOL di Solana è un titolo non regolamentato da cui gli investitori hanno guadagnato a spese dei consumatori al dettaglio.

Se hanno scoperto il contenzioso su Solana solo attraverso la stampa, si sono infuriati per il fatto che stesse attaccando un altro progetto e hanno cercato di convincerlo a ritirare l’azione, secondo Gün Sirer.

Secondo Sirer, Roche ha gestito solo alcuni “piccoli” casi giudiziari riguardanti Avalanche.

Nella sua risposta, Roche ha respinto l’esistenza di un “accordo segreto” tra la sua società legale, Roche Freeman, e Ava Labs.