Il dollaro neozelandese è vicino al supporto chiave mentre gli operatori asiatici si preparano per la Bank of Japan

Per tutto l’orario di contrattazione di New York, il valore del dollaro USA è salito rispetto ai suoi principali rivali. In concomitanza con l’annuncio dell’aumento dei tassi, il Federal Open Market Committee (FOMC) ha anche rivelato le proiezioni di crescita e inflazione riviste per i prossimi anni.

Il Summary of Economic Projections (SEP) pubblicato a dicembre dal Federal Open Market Committee (FOMC) prevede una crescita economica più lenta, un aumento della disoccupazione e dei tassi di interesse fino al 2024 rispetto al SEP pubblicato a giugno. I rendimenti statunitensi a 2 anni, sensibili ai cambiamenti delle politiche governative, sono aumentati di oltre dieci punti base, raggiungendo il livello più alto dall’ottobre 2007. L’indice S&P 500 ha chiuso la giornata con una perdita dell’1,71%.

Il dollaro neozelandese è stato scambiato proprio vicino al suo livello più basso rispetto al dollaro australiano dall’inizio del 2015. Il tasso di cambio AUD TO NZD dovrebbe avanzare per il 7° mese consecutivo. Oggi in Australia è il giorno del lutto nazionale per la Regina Elisabetta II, quindi le aziende non saranno aperte.

L’attenzione di oggi è rivolta alla mossa politica della Banca del Giappone, mentre lo yen si avvicina a 144 per dollaro. Si prevede che il tasso di riferimento della BoJ e il limite di rendimento a 10 anni rimarranno invariati, rispettivamente a -0,1% e 0%. Il tasso di inflazione su base annua in Giappone ha raggiunto il 3,0% ad agosto, il livello più alto da settembre 2014. Se la BoJ scuote i mercati o cambia direzione, l’USD/JPY e i tassi obbligazionari giapponesi potrebbero essere volatili.

La U.S. Energy Information Administration ha riportato un aumento di 1,14 milioni di barili di greggio per il 16 settembre. La produzione di benzina e di prodotti distillati, compreso il gasolio, è aumentata di 1,57 milioni e di 1,23 milioni di barili.

Secondo i dati, come indicato dalla fornitura di quattro settimane di benzina per autotrazione, la domanda di benzina è stata in media di 8,5 milioni di barili al giorno, in calo di circa l’8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Le raffinerie hanno aumentato la loro capacità operativa al 93,6% contro il 91,5% della settimana precedente, nonostante la riduzione della domanda di benzina.