Il dollaro guadagna sull’euro alla fine del trimestre, ma le valute legate ai prodotti di base sono in calo

Il dollaro è salito rispetto all’euro venerdì, grazie al fatto che l’inflazione europea ha raggiunto un livello record e la spesa dei consumatori statunitensi è aumentata più rapidamente del previsto. Tuttavia, i guadagni sono stati ridotti nelle ultime contrattazioni di fine trimestre.

Nonostante la performance trimestrale più solida dal 1° trimestre 2015, venerdì il dollaro ha registrato il primo calo settimanale in tre settimane.

Dopo un calo all’inizio della giornata, il valore della sterlina è rimbalzato rispetto al dollaro. Le preoccupazioni per l’intenzione della Gran Bretagna di ridurre le tasse e di pagarle con un aumento dei prestiti hanno portato a una serie di quattro giorni di rialzi per la sterlina, seguiti da violenti cali.

Dopo essere scesa ai minimi storici lunedì, la decisione della Banca d’Inghilterra di acquistare gilts, o titoli di Stato britannici, ha fatto sì che la sterlina salisse questa settimana.
Secondo i dati pubblicati venerdì, l’inflazione nell’Eurozona è salita al 10,0% a settembre, rafforzando ulteriormente le previsioni di un massiccio rialzo dei tassi da parte della Banca Centrale Europea a ottobre.

Secondo il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, l’indice dei prezzi PCE è aumentato del 6,2% su base annua ad agosto, superando l’obiettivo del 2% fissato dalla Federal Reserve.

Di conseguenza, la Federal Reserve ha avuto meno motivi per rallentare il suo ciclo di rialzo dei tassi nel 2022, dopo aver aumentato i costi di finanziamento per gli Stati Uniti al ritmo più rapido dagli anni ’80.

Secondo il direttore delle strategie sul reddito fisso e sulle valute Paresh Upadhyaya di Amundi US a Boston, “le contrattazioni odierne sono influenzate dai volumi degli ordini di fine trimestre e fine mese”, in quanto gli investitori si sono concentrati sul ribilanciamento dei portafogli piuttosto che sui fatti.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading>>>è gratis

Lo strategist, tuttavia, prevede che la tendenza al rialzo del dollaro persisterà quando gli investitori torneranno a negoziare sui fondamentali.

Nel frattempo, Upadhyaya riferisce che le valute dei Paesi esportatori di materie prime hanno reagito bruscamente alle statistiche sull’inflazione elevata di venerdì, a causa delle preoccupazioni sulla domanda e sullo sviluppo economico globale.

Rispetto al dollaro canadese, il dollaro statunitense è salito dell’1,04%, il dollaro neozelandese è sceso del 2,24% e il dollaro australiano dell’1,62%.

Dopo aver raggiunto un massimo di 1,1235 dollari, la sterlina ha recuperato parte delle perdite e si è attestata a 1,11500 dollari, con un aumento dello 0,28%.