Gli Stati Uniti condannano a 38 mesi dietro le sbarre il promotore dello schema di criptovalute Bitconnect da 3,4 miliardi di dollari

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ) ha dichiarato venerdì che un uomo di Los Angeles è stato condannato a 38 mesi di carcere per il suo coinvolgimento in Bitconnect.

Bitconnect è stato definito dal DOJ come un enorme schema di investimento illegale in bitcoin.

Secondo gli archivi, Glenn Arcaro ha complottato con altri per approfittare dell’entusiasmo degli investitori per il Bitcoin, presentando falsamente l’emissione unica di monete e il commercio di valuta virtuale di Bitconnect come un investimento di successo.

Secondo il Dipartimento di Giustizia, lo schema di Ponzi di Bitconnect ha catturato 4.154 vittime provenienti da 95 nazioni, rendendolo un vero e proprio schema di Ponzi globale.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Arcaro, secondo il Dipartimento di Giustizia, ha trasferito i profitti della truffa Bitconnect su conti esteri, ha convertito alcuni dei fondi in metalli preziosi e ha acquisito passaporti internazionali. Il Dipartimento di Giustizia ha dichiarato che il suo scopo era quello di evitare di pagare il reddito imponibile federale e statale sui suoi guadagni di Bitconnect e di proteggere le sue proprietà dalla riscossione del fisco.

Secondo i documenti del tribunale, Arcaro ammette di aver guadagnato non meno di 24 milioni di dollari attraverso la frode Bitconnect, che ora saranno tutti rimborsati agli azionisti o persi dallo Stato.

Lo schema Ponzi di Bitconnect aveva un valore di mercato di 3,4 miliardi di dollari al suo apice, secondo i funzionari statunitensi. Il creatore e i suoi co-cospiratori sono accusati di aver ottenuto 2,4 miliardi di dollari dagli azionisti. Le autorità indiane hanno recentemente avviato un’indagine su Bitconnect e arrestato il suo inventore, anche se gli Stati Uniti lo avevano già accusato a febbraio.