Elon Musk invia una seconda lettera per interrompere l’acquisto di Twitter.

Elon Musk ha dichiarato che ritirerà la sua controversa offerta da 44 miliardi di dollari per Twitter, mettendo la transazione sull’orlo del fallimento. Musk ha informato venerdì il consiglio di amministrazione di Twitter che sta annullando la transazione.

Tuttavia, Twitter non crede alle affermazioni di Musk. Bret Taylor, il capo del comitato di Twitter, ha risposto twittando che il gruppo è impegnato a eseguire la transazione ai prezzi e alle condizioni negoziate con Musk e intende intraprendere azioni giudiziarie per eseguire l’accordo di partnership. Ha inoltre aggiunto che sono sicuri di vincere presso la Chancery Court del Delaware.

Twitter avrebbe potuto chiedere una tassa di risoluzione di 1 miliardo di dollari, che Musk ha accettato di pagare a queste condizioni. Piuttosto, sembra pronta ad andare in guerra per completare l’accordo che l’azienda ha autorizzato e che l’amministratore delegato Parag Agrawal ha dichiarato di voler portare a termine.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Il potenziale scioglimento dell’accordo è solo l’ultimo colpo di scena in una storia che coinvolge la persona più ricca del mondo e uno dei più importanti siti di social media. Gran parte dell’agitazione si è svolta su Twitter, con Musk – che ha oltre 100 milioni di follower – che ha lamentato il fallimento dell’azienda nel rimanere fedele alla sua promessa di essere un mezzo di comunicazione per la libertà di parola.

Secondo diverse fonti, il mese scorso Twitter ha concesso a Musk l’accesso al suo “firehose” di informazioni grezze su centinaia di milioni di tweet regolari, anche se né l’azienda né Musk lo hanno verificato. I dati privati, che non sono informazioni pubbliche e quindi non sono inclusi nel “firehose” di informazioni di Musk, comprendono gli indirizzi IP, le informazioni di contatto e la posizione.

Mentre i funzionari di Twitter si preparavano alla transazione, l’azienda ha attuato un blocco delle assunzioni, ha ridotto le spese discrezionali e ha rimosso due funzionari chiave. L’azienda di San Francisco ha anche tagliato il personale, ultimamente un membro del suo team di reclutamento.