Dopo aver fallito un test sull’inquinamento, Cheniere riparerà le attrezzature del progetto GNL in Louisiana

La Cheniere Energy Inc (LNG.A), industria leader nell’esportazione di GNL negli Stati Uniti, ha annunciato che sostituirà e riparerà l’hardware del suo porto in Louisiana dopo che i test hanno rivelato il superamento dei limiti di emissione pericolosi imposti di recente per una serie di noti agenti cancerogeni. Tuttavia, i lavori non influenzeranno materialmente le operazioni.

Secondo i documenti forniti dai funzionari statali attraverso una sequenza di richieste di dati e analizzati da Reuters, i test hanno rivelato che almeno uno dei mulini a vento di Cheniere presso il suo terminale di produzione di gas naturale liquefatto (LNG) in Louisiana è riuscito a non rispettare le nuove linee guida, mentre i mulini a vento in Texas presso l’unico altro impianto di LNG statunitense della società erano conformi.

La norma sugli standard nazionali di emissione per gli inquinanti pericolosi, che è stata ripristinata a febbraio per essere estesa a un tipo di turbine a gas utilizzate solo da Cheniere nel settore del GNL, impone restrizioni sulle emissioni di sostanze cancerogene riconosciute come la formaldeide e il benzene.

All’inizio dell’anno, il principale esportatore statunitense di GNL verso l’Europa, Cheniere, ha chiesto all’amministrazione Biden un’eccezione alle nuove norme, sostenendo che esse potrebbero compromettere i tentativi americani di aumentare le forniture agli alleati occidentali per contrastare i tagli alle forniture russe. La richiesta è stata respinta dall’Agenzia per la protezione dell’ambiente.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading>>>è gratis

In un messaggio di posta elettronica inviato alle autorità della Louisiana l’8 settembre, Cheniere ha dichiarato che i test preliminari effettuati presso l’impianto LNG di Sabine Pass hanno rivelato che una delle otto turbine del generatore non soddisfa gli standard recentemente imposti e che provvederà a riparare la turbina per ridurre le emissioni.

Secondo l’e-mail, la società ha eseguito test preliminari su 44 turbine statiche presso l’impianto.

Secondo la Reuters, Cheniere è stata avvertita dall’EPA della sua scelta di costruire motori a gas più inquinanti presso i suoi impianti di GNL della Costa del Golfo anni prima che entrassero in funzione.