Aumenta l’utile di Teck Resources; l’amministratore delegato Lindsay si dimette dopo 17 anni di attività

Martedì scorso, la società mineraria canadese Teck Resources Ltd ha dichiarato che Don Lindsay, suo amministratore delegato negli ultimi 17 anni, andrà in pensione. L’azienda ha anche riportato un utile annuale superiore alle aspettative grazie ai prezzi favorevoli del carbone per la produzione di acciaio.

I costi operativi più elevati per la manodopera, l’energia e le forniture hanno rappresentato un problema per i minatori. I principali minatori BHP Group (BHP.AX) e Rio Tinto (RIO.AX) hanno avvertito che la carenza di manodopera e l’aumento dell’inflazione dureranno oltre il 2023.

L’azienda di Vancouver, nella Columbia Britannica, ha anche riportato un utile attribuibile agli azionisti nel secondo trimestre di 1,68 miliardi di dollari (1,31 miliardi di dollari), un aumento di oltre cinque volte rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Jonathan Price assumerà la carica di amministratore delegato al posto di Lindsay, che lascerà l’incarico alla fine del mese prossimo. Harry Conger è stato nominato presidente e direttore operativo.

Per una serie di applicazioni, tra cui le iniziative di energia rinnovabile come l’energia eolica o solare e le opzioni di trasporto come il trasporto di massa, gli autobus e le auto ibride, l’acciaio e il carbone per la produzione dell’acciaio sono necessari.

L’azienda, tuttavia, ha dichiarato che, a causa del rallentamento della produzione automobilistica e delle pressioni inflazionistiche a livello mondiale che pesano sull’umore del mercato, la diminuzione della domanda di acciaio a monte influisce sui prezzi internazionali del carbone per l’industria pesante. Secondo il minatore, nel trimestre in esame il costo medio del carbone per la produzione di acciaio è aumentato del 215%, raggiungendo i 453 dollari a tonnellata rispetto ai livelli dell’anno precedente. Prima dell’indebolimento della situazione economica dello scorso giugno, la produzione di acciaio e l’offerta di carbone per l’industria siderurgica sono state entrambe elevate per la maggior parte del secondo trimestre, con i prezzi delle materie prime per l’industria siderurgica che hanno chiuso il trimestre a 300 dollari per tonnellata, secondo Teck