Il palcoscenico home made con i video girati dagli attori della compagnia Il Veliero
Gli attori de il Veliero nella loro ultima performance in video in presenza, all’esterno del teatro Binario 7, ormai chiuso per l’emergenza Covid.

Il palcoscenico home made con i video girati dagli attori della compagnia Il Veliero

La compagnia teatrale monzese per persone con disabilità e i nuovi tablet acquistati grazie al contributo della Fondazione della comunità di Monza e Brianza. L’obiettivo è quello di offrire agli attori strumenti per proseguire il lavoro teatrale e la formazione a distanza, in attesa di poter tornare a teatro. Con tante novità, compresa l’edizione 2021 del festival “Lì sei vero” e una nuova tournee all’Elba.

C’è fermento nelle case degli attori della onlus “Il Veliero”. In questi giorni i responsabili della compagnia teatrale per persone con disabilità stanno consegnando i nuovi tablet acquistati grazie al contributo della Fondazione della comunità di Monza e Brianza. L’obiettivo è quello di offrire agli attori strumenti per proseguire il lavoro teatrale e la formazione a distanza, in attesa di poter tornare a teatro. «Dall’inizio della pandemia, - spiega Chicco Roveris - abbiamo necessariamente trasformato le nostre case nel nuovo palcoscenico. I ragazzi sono stati invitati a realizzare video che poi sono divenuti produzioni a tutti gli effetti. Se la scena non ci è permessa, allora il nostro telefonino lo trasformiamo nel veicolo per andare in scena».

E con successo, considerati i risultati anche in termini di partecipazione dell’edizione 2020 del Festival nazionale di teatro e disabilità “Lì sei vero”, con un contest video. «Volevamo dotare tutti i ragazzi con strumenti di buona qualità per produrre filmati ma anche per continuare le attività teatrali a distanza e la Fondazione Mb ha compreso come sempre i nostri bisogni». Un aiuto a “Il Veliero” è arrivato anche dalla raccolta fondi natalizia. «Un dono inaspettato che ci ha portato 11mila euro» spiega Roveris. Anche le felpe della onlus sono divenute di moda e hanno dato una mano: «Ne abbiamo realizzate 80, ora abbiamo altre richieste». I volontari della onlus, che vanta da pochi mesi l’attore Alfredo Colina nel ruolo di presidente, sono ora impegnati nella consegna dei tablet e nella configurazione, anche della piattaforma utilizzata per gli incontri a distanza.

La formazione attoriale oggi passa necessariamente dall’utilizzo degli strumenti tecnologici; i ragazzi da qui ai prossimi mesi realizzeranno piccoli video che saranno poi montati nel trailer del nuovo spettacolo. Un modo per continuare a stimolare il loro processo di autonomia, nell’attesa di poter tornare a teatro e di farlo anche con l’edizione 2021 di “Lì sei vero”. «Abbiamo pensato - continua Roveris - a un appuntamento a maggio, con tavole rotonde anche online, la presentazione del nuovo lavoro della Compagnia e il lancio del nuovo contest video tra le associazioni del territorio. Poi, a fine settembre, ci sarà la seconda parte, speriamo tutta in presenza, con la gara tra le compagnie teatrali in arrivo da tutta Italia e almeno con una capienza teatrale del 50%». Il desiderio di tornare a teatro guida un altro progetto, anche questo selezionato dalla Fondazione Mb, che porterà la compagnia teatrale monzese all’Isola d’Elba a giugno, per la ripartenza della tournee, con alcuni spettacoli e la produzione di un contest video sulla ripartenza. Per questa iniziativa tutti possono dare una mano, con un contributo dal sito fondazionemonzabrianza.org cercando il progetto “Lì sei vero, lo spettacolo di vacanza”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA