Serie B,   i convocati per Monza-Brescia. Prima di Pescara-Salernitana  aggredita la figlia di Grassadonia - VIDEO
L’esultanza dei giocatori del Monza dopo la vittoria sul Lecce (Foto by foto Buzzi/Ac Monza)

Serie B, i convocati per Monza-Brescia. Prima di Pescara-Salernitana aggredita la figlia di Grassadonia - VIDEO

Ecco i convocati di mister Brocchi prima della sfida casalinga con il Brescia, ultimo match di serie B: a Salerno è stata aggredita da la figlia di Gianluca Grassadonia, tecnico del Pescara e prossimo avversario della Salernitana che contende la promozione diretta proprio al Monza.

Al termine della rifinitura a Monzello, mister Brocchi ha convocato 26 giocatori per Monza-Brescia, gara della 38esima e ultima giornata della Serie BKT 2020-21, in programma lunedì 10 maggio alle 14 all’U-Power Stadium.

Ecco la lista completa: Donati, Anastasio, Bellusci, Boateng, Barberis, Gytkjaer, D’Errico, Sommariva, Frattesi, Bettella, Scaglia, Barillà, Armellino, Di Gregorio, Scozzarella, Maric, Ricci, Colpani, Carlos Augusto, Sampirisi, Balotelli, Mota Carvalho, Rubbi, Diaw, D’Alessandro, Pirola. Indisponibili Lamanna e Paletta: per quest’ultimo un affaticamento muscolare dopo l’ultimo match.

Il match con le rondinelle sarà decisivo per i sogni di promozione immediata dei biancorossi. Il Monza sarà promosso in serie A se riuscirà a vincere sperando che la Salernitana perderà o pareggerà contro il Pescara. A parità di punti infatti, i brianzoli sono in vantaggio avendo vinto sia il match d’andata (4-0), sia il ritorno (1-3).

A funestare l’attesa c’è da registrare un incredibile episodio di cronaca. Nella serata di sabato 8 maggio, a Salerno la figlia diciottenne di Gianluca Grassadonia, tecnico del Pescara ed ex giocatore della Salernitana, è stata vittima nei pressi della propria abitazione di un’aggressione da parte di alcuni fantomatici tifosi della Salernitana. L’episodio degli insulti è stato raccontato su Facebook dalla mamma della ragazza, Annabella Castagna. «Dopo cinque giorni di minacce dirette alla nostra famiglia, quest’ultima follia è intollerabile. Nostra figlia è stata aggredita con spintoni e calci affinché il papà capisca... tutto questo per una partita di calcio. Ringraziamo tutti coloro che ci hanno mostrato solidarietà, ma mi sembra chiaro che ora più che mai la nostra vita continuerà lontano da Salerno».


© RIPRODUZIONE RISERVATA