#Morosininpista: Ferrari veloce in Germania, ma se piove Hockenheim è una roulette
Leclerc in Austria lo scorso giugno

#Morosininpista: Ferrari veloce in Germania, ma se piove Hockenheim è una roulette

Buoni risultati per le Ferrari alle libere del Gp di Germania grazie anche alla scelta delle gomme: l’incognita, per il circuito di Hockenheim, è la pioggia.

Il mondiale di Formula 1 andrà in ferie fra una decina di giorni, dopo il Gp d’Ungheria. Il Gp di Germania, quindi, rappresenta la penultima occasione per la Ferrari di mostrare quei miglioramenti che i tifosi della Rossa attendono da settimane. E le promesse sono buone, perché Charles Leclerc e Sebastian Vettel sono andati molto veloci, sia con le gomme rosse da qualifica sia con gomme medie e dure.

Soprattutto il monegasco, con gomme dure, ha segnato buoni tempi nella simulazione di gara, migliori di quelli delle Mercedes. Il tipo di gomme che i piloti impiegheranno arriveranno dalle diverse strategie che le squadre vorranno attuare. Dovessi dirlo adesso, la Mercedes andrà con rosse e gialle; la Ferrari con rosse e bianche. Ma, come ha sottolineato il responsabile della Pirelli Mario Isola, se in gara dovesse piovere i piloti si troveranno a dover affrontare una sorta di roulette non avendo provato i due tipi a disposizione, intermedio e da bagnato. Nella simulazione gara, la combinazione meglio equilibrata mi è sembrata quella Leclerc, gomme rosse-gomme bianche: una soluzione del genere consentirebbe al monegasco di effettuare un solo pit stop.

Le temperature di pista, in questa prima sessione di prove libere, hanno toccato i 52 gradi: anche questo può avere condizionato le prestazioni Mercedes e dare alla Ferrari la possibilità del colpo grosso. Infatti, a cinque minuti dalla fine, con gomma bianca Charles Leclerc ha girato in 1:18:7, tre decimi in più di Hamilton che montava gomme gialle. Ciò significa che la Ferrari non dovrebbe avere problemi sulla costanza degli pneumatici. Ma è solo venerdì, il giorno in cui teorie e tempi non vengono poi confermate dalla gara. Anche perché se nel Q2 di qualifica la pista fosse bagnata, i piloti potranno scegliere le gomme che vogliono per partire in gara.


© RIPRODUZIONE RISERVATA