Secondo un legislatore statunitense, le criptovalute hanno “troppa ricchezza e autorità” per essere vietate

In un’intervista pubblicata domenica dal Los Angeles Times, Brad Sherman ha discusso delle criptovalute e della loro legislazione.

Il democratico californiano, a capo di una sottocommissione della Camera per la sicurezza dei consumatori, vorrebbe limitare il bitcoin ma non crede che il Congresso lo farà. Ha informato la fonte giornalistica che non crede che il Congresso limiterà le criptovalute nel prossimo futuro.

Il legislatore si preoccupa che i commercianti privati vengano ingannati e vede il Bitcoin come una sfida alla sicurezza pubblica degli Stati Uniti. Ritiene che le criptovalute costituiscano una minaccia fondamentale, diano potere ai truffatori e minaccino l’importanza del dollaro statunitense.

Il deputato è particolarmente preoccupato dai servizi di miscelazione di criptovalute come Tornado Cash. L’OFAC del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha proibito il programma di miscelazione di Ethereum in agosto, sostenendo che aiutava gli aggressori nordcoreani come il Lazarus Group.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

La criptovaluta è un meme che si acquista con l’intenzione di venderlo a qualcun altro prima che fallisca, e questo è uno dei vantaggi di uno schema Ponzi.

Sherman ha poi discusso la regolamentazione delle criptovalute in assenza di un divieto. Sostiene che la SEC dovrebbe monitorare l’industria delle criptovalute, paragonandola a un’azione o a una merce, date le dimensioni, la competenza e le forti misure disciplinari dell’autorità di regolamentazione.

Quest’anno, tuttavia, sono state presentate al Congresso tre misure volte a stabilire che la CFTC sia il principale controllore del settore delle criptovalute.

A luglio Sherman ha chiesto alla SEC di perseguire le grandi piattaforme di criptovalute che commerciano XRP. A gennaio, la SEC ha annunciato di aver intrapreso 97 azioni legali legate alle criptovalute. A maggio l’agenzia ha annunciato di aver quasi aumentato le dimensioni del suo team investigativo sulle criptovalute.