Saylor, il CEO del Bitcoin Maximizer di MicroStrategy, ha delegato i suoi compiti e ha assunto il ruolo di presidente esecutivo

Tra i più noti sostenitori del bitcoin nell’America commerciale, Michael Saylor ha ceduto il posto di CEO di MicroStrategy (MSTR) a un subordinato e ha assunto il ruolo di presidente esecutivo, concentrandosi esclusivamente sull’accumulo di criptovalute.

Ha lanciato l’azienda nel 1989 come sviluppatore. Tuttavia, negli ultimi giorni, ha iniziato ad acquistare miliardi di dollari in bitcoin con i fondi di MicroStrategy, gran parte dei quali sono stati finanziati attraverso operazioni di prestito.

Secondo una dichiarazione rilasciata martedì, Phong Le, presidente dell’azienda, è stato nominato amministratore delegato.

Tuttavia, durante la teleconferenza sulle entrate, Le ha dichiarato di non prevedere alcun aggiustamento strategico imminente per l’azienda e di essere sempre stato d’accordo con Saylor sul business e sul piano bitcoin.

Ha inoltre elogiato la gestione della sezione finanziaria di MicroStrategy da parte del direttore finanziario Andrew Kang.

Ha dichiarato che gli aggiustamenti complessivi consentiranno a Le di gestire l’azienda mentre Saylor si concentrerà sulla strategia aziendale, sullo sviluppo e sul piano bitcoin.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Saylor si dimette dalla carica di CEO in un momento in cui le sue scommesse sui bitcoin hanno comportato perdite significative per l’azienda.

Nei risultati del secondo trimestre, annunciati martedì, MicroStrategy ha registrato una svalutazione di 917,8 milioni di dollari sui suoi investimenti in bitcoin, a causa del forte calo del prezzo del bitcoin durante il trimestre.

La società controlla ora circa 130.000 bitcoin del valore di circa 3 miliardi di dollari, acquistati per circa 4 miliardi di dollari.

Le è presidente di MicroStrategy dal luglio 2020 e ha ricoperto diversi altri incarichi esecutivi di alto livello da quando è entrato nell’azienda nel 2015, in particolare CFO e COO.

Negli scambi after-hours di martedì, le azioni di MicroStrategy sono scese dell’1,2%. Quest’anno, il titolo ha perso circa la metà del suo valore, quasi rispecchiando la caduta del bitcoin.

MicroStrategy intende tenere una telefonata con gli analisti per analizzare i risultati del secondo trimestre.